dolce & salato * kaymac * gjomleze * sac: forno tradizionale

La flija, anche nota come fli, è un piatto tipico solitamente dolce che consiste in una grande torta composta da diversi strati morbidi di frittelle simili a sottilissime crepes, insaporite con crema di Kaymac. È spesso accompagnata da vari condimenti gustosi come miele e yogurt denso. É un prodotto tipico della cucina balcanica e in particolare albanese (nelle montagne del nord) e del Kosovo, ma è diffusa anche in Macedonia, conosciuta con il nome di Gjomleze.

Noi abbiamo mangiato per la prima volta questo piatto lungo il percorso di trekking da Valbona a Theth durante una sosta in un piccolo rifugio sulle montagne. Arrivati affamatissimi al momento della sosta ci siamo affidati all’unica proposta culinaria, ovvero una fetta abbondante di flija con burro e noci. La sorpresa è stata notevole: questa torta sostanziosa e gustosa ci ha dato le energie necessarie per riprendere la scarpinata.

La cucina balcanica ha forti influenze turche: se conoscete il cibo medio-orientale siete a metà dell’opera: Veggiestan. Un viaggio alla scoperta dei piatti vegetariani del Medio Oriente

Jerusalem di Yotam Ottolenghi – Edizione illustrata

Eat Istanbul. Viaggio nel cuore della cucina turca Istanbul. Ricette dal cuore della Turchia

Ci hanno raccontato che questo è un piatto molto antico, la sua ricetta è stata tramandata per generazioni e soprattutto il metodo di cottura storicamente utilizzato è molto particolare. L’impasto (simile a quello delle crepes ma senza uova) viene preparato semplicemente con farina, acqua e sale e ogni strato viene cotto a raggera in un forno artigianale composto da una cupola di ferro chiusa e coperta da braci. Oltre a tante varianti di sfiziosi condimenti a parte (sia dolci che salati) tra uno strato e l’altro è possibile aggiungere vari ingredienti, quali crema, formaggio, noci sminuzzate oppure kaymak.

Flija Torta Tradizionale Cucina Balcanica Kaymak

Il kaymak, prodotto caseario della cucina balcanica

Il kaymak è un prodotto caseario molto diffuso in tutte le zone montuose balcaniche, fatto con latte vaccino fermentato. Il migliore, fatto in casa, lo abbiamo provato nelle montagne del Montenegro durante un lunghissimo barbecue dove questo prodotto tradizionale, simile ad un burro molto grasso e sapido, veniva utilizzato per insaporire in modo delizioso la carne e le verdure.


Peccato che non sia facile riprodurre il metodo di cottura originale della flija e nemmeno procurarsi il kaymak in Italia quindi preferisco non passarvi una ricetta che potrebbe risultare imperfetta. Un motivo in più per andare in loco e provare questo piatto.
Per farvi un’idea e capire cosa vi perderete se non darete una chance ai balcani durante le vostre prossime vacanze guardate questo video che spiega la preparazione tradizionale nel forno tipicoil sac – e fatevi venire un po’ di languorino.





Share: