eco camp drno brdo * crna gora * trekking * cibo biologico

Grazie ad HelpX, il sito che ti consente di fare volontariato in giro per il mondo, abbiamo vissuto un’esperienza bellissima sulle montagne del Montenegro. Emozioni che potreste vivere anche voi se siete alla ricerca di un posto dove dormire e passare qualche giorno al Tara Canyon e al Durmitor.Sui Balcani eravamo alla ricerca di qualcosa di davvero autentico: volevamo passare qualche settimana con persone del luogo, lavorando con loro, mangiando con loro, scambiandoci racconti ed esperienze. HelpX ci è venuto incontro facendoci conoscere Sasa, Vaitsa e le loro stupende figlie Anastasia ed Alexandra. Siamo stati nel minuscolo villaggio (perché definirlo paese sarebbe troppo) di Kosanica, a una trentina di chilometri dalla più grande Pljevlja, dieci dal celeberrimo Tara Canyon e poco più di venti minuti di auto da Žabljak, la cittadina ai piedi delle cime del monte Durmitor, utilizzata come base per tanti percorsi di trekking nella zona. La nostra esperienza all’Eco Camp Drno Brdo è stata talmente incredibile che vogliamo che anche voi possiate viverla: dovete essere ovviamente alla ricerca di due settimane toste, lontani dalle comodità a cui la vita in città ci ha abituato.

Che cos’è l’Eco Camp Drno Brdo al Tara Canyon

Si tratta di un piccolissimo villaggio composto da tre bungalow completamente costruiti in legno, una casetta dedicata ai bagni (in comune) e il Gallery Café, un bar che serve allo stesso tempo gli ospiti dell’Eco Camp e gli avventori locali. I bungalow sono completamente immersi nel verde, in mezzo alla foresta, e sono stati costruiti dalle sapienti mani di Sasa, un ingegnere che stanco della vita in città si è ritirato sui monti. Un totale di 6 posti letto, con scelta tra camera matrimoniale e doppia e diverse grandezze, adatte a tutte le tasche (si parte da 24 euro e si arriva a 35 euro per notte). I bagni, anch’essi nascosti dentro il bosco, sono in comune (ma non vi preoccupate, la pulizia è ottima) e sono forniti di una doccia la cui acqua è riscaldata ad energia solare. Niente sole? Niente acqua calda. Astenersi snob e comodoni.



Ma Eco Camp non significa solo dormire, anzi. Prima di tutto il cibo: la colazione è sempre compresa… e che colazione. Tutto è biologico e a chilometri zero: ovvero le verdure sono coltivate direttamente nell’orto dell’Eco Camp, mentre latte, formaggio e carne provengono dagli animali (soprattutto capre e galline) che allevano Vaitsa e la sua famiglia. Ogni mattina il vostro pasto, in tipico stile casalingo e tradizionale serbo-montenegrino, sarà diverso: dal popara (qui troverete la ricetta del popara) al kacamak (patate bollite mescolate e cucinate a bassa temperatura con la farina), passando per il kaymak (una sorta di formaggio tipico di queste zone, ma anche di Iran, Afghanistan…) e a tante altre specialità che contribuiranno a farvi iniziare la giornata con il piedi giusto. Vaitsa è un’ottima cuoca e soprattutto non è avara di consigli: grazie al suo aiuto abbiamo imparato a cucinare tanti piatti locali, che ora possiamo replicare ovunque.

Il pranzo e la cena sono a vostra richiesta: se arrivate all’Eco Camp senza aver mangiato vi basterà fare un giro dalle parti del Gallery Café e richiedere a Sasa le prelibatezze della moglie; mettevi poi comodi, sorseggiate un bicchierino di rakia e in men che non si dica sarete serviti. Noi, per esempio, abbiamo partecipato ad una cena composta da un’enorme grigliata (perché non ve l’abbiamo detto, ma il Gallery Café dispone di una griglia che si può utilizzare gratuitamente) in occasione di una festa di uno dei giovani di Kosanica.
Ma non è finita: basta chiedere e Vaitsa vi porterà con lei e le figlie a pascolare le capre e vi insegnerà a mungerle. Potrete fare con lei escursioni alla ricerca dei funghi che poi vi cucinerà alla sera o aiutare Sasa a pescare le trote nel fiume Tara. Così facendo la vostra permanenza all’Eco Camp Drno Brdo non si limiterà al solo pernottamento ma condividerete per qualche giorno le gioie (e a volte anche i dolori) degli abitanti delle zone rurali del Montenegro.

PRENOTA LA TUA VACANZA ALL’ECO CAMP DRNO BRO.

Dove Dormire Tara Canyon Durmitor Montenegro

Cosa fare al Tara Canyon e all’Eco Camp Drno Brdo

Dovreste dormire a Kosanica perché è al centro di tutte le bellezze che queste montagne possono proporvi. In dieci minuti di auto sarete di fronte ad una delle più incredibili meraviglie che il Montenegro abbia da offrirvi: il Tara Canyon, il più profondo in Europa, dove scorre tra foreste rigogliose il fiume Tara. Il panorama che si ammira dal ponte che lo attraversa (il Ponte Đurđevića) è mozzafiato, ma anche il ponte stesso vale la visita! È qui che i più coraggiosi potranno sperimentare la più alta e lunga Zip Line d’Europa: attraverserete il canyon appesi da una fune d’acciaio, ammirando da una posizione da una posizione privilegiata ciò che gli altri possono solo immaginare. Scendete poi lungo il fiume per sfidare la vostra paura con un pomeriggio di rafting sul fiume Tara.
Dall’altra sponda del canyon rispetto a Kosanica si ergono le alture del Durmitor e del suo Parco Naturale, divenuto una tappa imprescinbile per tutti gli amanti del trekking e delle escursioni, grazie ai suoi laghi ghiacciati (come il Lago Nero (Crno jezero) e lo Zminje) e alla natura selvaggia e incontaminata che lo caratterizza. Tutti coloro che visitano queste zone dormono a Žabljak, paese stupendo e sicuramente comodo per le passeggiate al Durmitor, ma molto turistico e lontano dalla genuinità che un minuscolo villaggio come Kosanica può offrire.

PRENOTA LA TUA VACANZA ALL’ECO CAMP DRNO BRO.

Prima di partire non dimenticatevi di comprare la guida Lonely Planet del Montenegro e degli altri paesi che visiterete.

Dove Dormire Tara Canyon Durmitor Montenegro



 

Share: