sapta puri* vishnu * ganga aarti * har ki pauri

Haridwar è l’unica città sacra dell’Uttarakhand: durante un viaggio in India viene spesso visitata in accoppiata con Rishikesh, la città Capitale dello Yoga nascosta tra le colline pre-himalayane. Non potete perdetevi la cerimonia di ringraziamento al Gange (Ganga Aarti) che ogni sera al tramonto si svolge sui ghat di Haridwar, così come non dovreste rinunciare ai suoi templi arroccati sulle montagne e mercati convenientissimi. Appena arrivati in città ci siamo dati un’occhiata intorno e ci siamo resi conto che, come per le altre che sorgono lungo il Gange, Haridwar è un luogo dalla forte spiritualità, non solo per la presenza di templi induisti molto importanti ma anche per il gioioso fervore religioso dei suoi frequentatissimi ghat, che ogni sera si illuminano alla luce delle candele e si riempiono di voci di famiglie in preghiera durante la puja serale. Non per niente è una delle sapta puri, ovvero le sette città sacre dell’India. Haridwar è dedicata a Vishnu, anche se gran parte delle sue statue, come quella gigantesca che si vede da dalle scalinate dell’Har Ki Pauri, sono dedicate a Shiva. Non solo: è un centro religioso molto importante in quanto ciclicamente si svolge proprio qui il pellegrinaggio di massa Kumbh Mela, durante il quale milioni di fedeli si ritrovano per immergersi nel Gange. Le altre 3 città principali in cui viene celebrata a rotazione questa festività sono Allahabad, Ujjain e Nashik. Per saperne di più sul più importante festival induista, visitate il sito ufficiale del Kumbh Mela.

Prima di partire per l’India non dimenticate l’ASSICURAZIONE SANITARIA: scoprite perché noi utilizziamo World Nomads e fatevi fare un PREVENTIVO: è immediato e gratuito.

NON PARTITE SENZA LA GUIDA LONELY PLANET DELL’INDIA SHANTARAM: il libro più bello di sempre ambientato in India. L’autobiografia (romanzatissima) di un fuggitivo australiano che si rifugia a Mumbai, tra malavita, prostituzione e impegno sociale.

Haridwar Citta Sacra India Kumbh Mela

La gigantesca statua di Shiva vicino ad Har Ki Pauri

Di cosa parliamo in questo articolo:

Come arrivare ad Haridwar, India

Haridwar si trova 20 chilometri circa a sud della ben più frequentata Rishikesh (questo il nostro articolo su cosa vedere a Rishikesh). Calcolate circa 1 ora di tuk-tuk per arrivare in città: prendendo un trasporto comune (un tuktuk da circa 10 posti che fa la spola tra i due centri) spenderete circa 1 euro a persona. Se preferite accorciare i tempi e avere più libertà potete prendere un tuk tuk in autonomia per circa 350/450 rupie in totale (5-7 euro). Il servizio di tuk tuk condiviso vi lascerà sulla strada principale, a 5 minuti di cammino dai ghat. In molti arrivano ad Haridwar da Delhi, che si trova circa 200 chilometri più a sud: autobus e treni impiegano circa 5-7 ore a coprire la distanza tra le due città e ne troverete a tutte le ore del giorno e della notte. Sia che arriviate alla stazione dei treni o dei bus vi ci vorranno almeno 15 minuti a piedi per arrivare in zona ghat/mercato.
Come prenotare i treni? Questa e tante altre informazioni pratiche sull’India le trovate nel nostro articolo come organizzare un viaggio in India fai da te.

Cosa vedere ad Haridwar, India

Solitamente consigliamo sempre di prendere le cose con calma e dedicare parecchi giorni per visitare una città. Nel caso di Haridwar, visto che è spesso una gita di un giorno da Rishikesh, riteniamo sia meglio disegnarvi un percorso che vi consenta di vedere tutta questa città sacra in 24 ore!

Una guida per vedere Haridwar in una sola giornata:

– una visita al mercato mattutina; – una capatina ai ghat in giornata dove potrete fare qualche bella foto alla luce del sole;

– pranzo in uno dei ristoranti più celebri della zona il Chotiwala;

– un percorso spirituale che tocca due templi importanti all’interno della città (raggiungibili anche via cable car e mini bus in un pratico itinerario organizzato);

– ritorno ai ghat al calar del sole per partecipare alla puja serale.

Il mercato centrale di Haridwar: Moti Bazaar

A pochi passi dal ghat principale si sviluppa un intricato reticolato di vie colme di negozi di ogni genere. Tra Moti Bazaar, Upper Road e Jwalapur potrete trovare ogni merce possibile. Quest’area di bazaar essendo molto frequenta da locali e pochissimo da stranieri ha prezzi davvero convenienti e prodotti molto originali. Perdetevi tra bancarelle che vendono icone sacre indù, tessuti e prodotti ayurvedici, ne varrà la pena.

I ghat di Haridwar e Ganga Aarti: Har Ki Pauri e gli altri

Luoghi perfetti di giorno per scattare splendide foto a gigantesche statue di Shiva che sorgono in questa zona e ammirare la popolazione locale che si rilassa e prega in riva al Gange; la sera luogo simbolo della celebrazione di spettacolari puje molto coreografiche durante il Ganga Aarti (cerimonia di ringraziamento al fiume Gange) che si celebra al calar del sole (ma anche, in modo meno spettacolare, al mattino). I ghat principali di Haridwar sono 4: Har Ki Pauri è il più importante, dove si celebra la Ganga Aarti e dove la maggior parte di fedeli decidono di bagnarsi nelle fredde e poderose acque del fiume sacro.

Scendete le grandi scalinate in pietra che arrivano fino al Gange e vedrete tanti induisti che, tenendosi stretti a grosse catene ancorate sul fondo per non essere trascinati dalla corrente, si bagnano e giocano (letteralmente schizzandosi e ridendo come matti) nelle acque di Mother Ganga, per purificarsi.
Per partecipare alla Ganga Aarti informatevi sugli orari della celebrazione (cambiano a seconda delle stagioni) e arrivate con almeno 15 minuti d’anticipo o rischierete di arrivare troppo tardi a causa della folla che si raduna sulle rive. Gli altri ghat importanti sono il Gau Ghat dove sono state disperse le ceneri di Mahatma Gandhi e Indira Gandhi, l’Ashti Parvath Ghat dove vengono comunemente disperse le ceneri dei fedeli indù e il Subhash Ghat vicino al più famoso Har Ki Pauri.

Haridwar Citta Sacra India Kumbh Mela

I ghat di Haridwar

Mangiare al Chotiwala

Se siete in zona ghat e mercato dovete assolutamente provare il più noto ristorante della zona, la catena diffusa in diversi punti ristoro nella zona Haridwar/Rishikesh: Chotiwala. Se alcuni ristoranti del marchio non ci hanno soddisfatto, abbiamo invece apprezzato incredibilmente il thali offerto dal ristorante più vicino all’Har Ki Pauri, dove servono un thali talmente abbondante da sfamare 2 persone (non economico ma davvero ottimo!) e pane davvero delizioso. Consultate la pagina di Tripadvisor per saperne di più.

I templi più importanti di Haridwar

Il tempio Mata Mansa Devi è dedicato alla dea Mansa nota per la sua capacità di soddisfare i desideri dei fedeli che la invocano. Il tempio è situato sul monte Bilva Parvat. I pellegrini possono raggiungere il tempio tramite un piccolo trekking (1,5 km solo andata) o con una cable car la cui corsa dura pochi minuti. L’interno del tempio non è eccessivamente spettacolare ma è molto frequentato e pieno di venditori di souvenirs religiosi. La vista dalla cima è molto bella, peccato che spesso la nebbia avvolga la città in autunno e inverno. Il tempio di Chandi Devi è dedicato è arroccato ad un’altezza di 208 metri sul monte Neel Parvat e dista 4 km dalla stazione ferroviaria di Haridwar. Si ritiene che qui la Dea Parvati (moglie di Lord Shiva) abbia ucciso i demoni Chand e Mund nell’antichità. Il tempio può essere raggiunto con un percorso a piedi (piuttosto impegnativo per numerosi gradini da scalare verso la cima) o tramite una cable car della durata di circa 10 minuti. Anche questo tempio è più spettacolare dall’esterno che dall’interno. In zona (a soli 500 mt) si trova anche il Tempio Anjani raggiungibile con una bella passeggiata leggera.

Haridwar Citta Sacra India Kumbh Mela

L’albero sacro dentro il Mata Mansi Devi

Haridwar Citta Sacra India Kumbh Mela

Haridwar vista dal Mata Manso Devi

Per raggiungere i templi Chandi Devi e Mansa Devi in cable car vi converrà acquistare un pacchetto che raggruppa entrambi i biglietti della funicolari per 300 rupie e vi consente di spostarvi tra un tempio e l’altro con un bus organizzato (compreso nel prezzo). In questo modo risparmierete e ottimizzerete i tempi di spostamento. La biglietteria più comoda è quella del Mata Manda Devi Temple, che si trova a dieci minuti di cammino dai ghat.
Nel complesso non abbiamo apprezzato troppo questi templi (molto spogli all’interno) ma se avete tempo vale la pena di visitarli per la loro grande importanza a livello spirituale e per la vista dall’alto sulla città e sulle montagne (sempre che non ci sia troppa nebbia per vedere qualcosa). La città brulica di tanti altri templi interessanti ma il tempio Digamber Jain, è a nostro parere uno dei più spettacolari in zona per le sculture religiose che lo adornano sia esternamente che internamente. È l’unico tempio jainista in centro città e vale davvero la pena visitarlo per la sua architettura particolarmente eccentrica.

Dove dormire ad Haridwar, India

Se desiderate passare una notte ad Haridwar avrete diverse possibilità di scelta per quanto riguarda alberghi e guest house. La città però non brilla per soluzioni a ottimo rapporto qualità prezzo, quindi in linea di massima vi consigliamo di alloggiare nella vicina Rishikesh per risparmiare e avere alloggi con standard più elevati.

Se preferite comunque passare una notte in città date un’occhiata al Ram Lodge, adatto a chi ha budget ridotti. Offre infatti camere matrimoniali decenti e spaziose a 8 euro a notte.

Se il vostro budget è invece un po’ più alto potete visitare l’Hotel Krishna Ji a soli 500 metri dal famoso ghat Har Ki Pauri dove troverete stanze doppie confortevoli e pulite a partire da 30 euro.

Per strafare e soggiornare in una residenza in stile haveli non avrete altra scelta che prenotare presso l’Haveli Hari Ganga, un prezioso boutique hotel dotato di Spa, perfetto per gli ospiti più raffinati ed esigenti. Stanze di una bellezza esagerata ma molto care, con doppie a partire da 90 euro.

Haridwar Citta Sacra India Kumbh Mela

I ghat di Haridwar

Share: