dalla Maddalena al Golfo Aranci passando per Porto Cervo

Appena la stagione volge verso il periodo più caldo la voglia di mare comincia a invadere i pensieri. Cominciare a pensare alle ferie estive nella maggioranza delle persone genera un mix di sensazioni che vanno dal piacere di preassaporare il profumo della salsedine al timore per i preventivi necessari alla partenza. Se la Sardegna è la meta delle vostre vacanze e volete concedervi dopo lunghi mesi di lavoro una crociera, ci sono luoghi che devono essere visti, anzi vissuti.Ma una viaggio in barca non è semplicissimo da organizzare: per questo abbiamo preparato una seie di consigli che semplificheranno la vostra gestione di una vacanza navigando per le coste della Sardegna.

Salpiamo dal nord della Sardegna: l’Arcipelago della Maddalena

Partire da un luogo che è stato dichiarato nel 1994 Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco è sicuramente un ottimo inizio.

Le sette isole dell’arcipelago si trovano a nord della Sardegna nel tratto di mare tra Santa Teresa di Gallura e Porto Cervo a pochissima distanza dalla Corsica.




Andare a scoprire calette e spiagge nascoste è sempre una sfida che dà grandi soddisfazioni. Poter fare il bagno in un luogo lontano dal turismo di massa, di cui sono teatro queste località in alta stagione, è un piacere che solo avendo una barca ci si può regalare.

Fare immersioni nella acque cristalline della Maddalena è un’esperienza avvincente, perché la conformazione dei fondali e la fauna ittica del luogo sono vera arte generata dalla natura.

Solo l’arcipelago avrebbe mille piccoli e grandi posti da vedere, ma se la volontà è quella di stare pochi giorni, bisogna almeno fare tappa a Spargi , Budelli con la sua spiaggia rosa, Caprera, Santo Stefano, Santa Maria.

Potrebbe interessarti anche:
Crociera nel Mediterraneo Orientale

Seconda tappa a Porto Cervo

Scendendo di poco a sud della Maddalena è inevitabile gettare l’ancora poco a largo di Porto Cervo. Sicuramente è una meta mondana e presa d’assalto dai vip, ma qui il relax di una giornata di mare può fare da contrappunto a serate di puro divertimento.

La Costa Smeralda è inequivocabilmente uno dei luoghi più belli al mondo e per questo può essere molto affollato nei mesi di luglio e agosto, ma questo è il piccolo prezzo da pagare per poter dire di aver passato almeno qualche giorno in paradiso.

Il centro di Porto Cervo è meritevole di una visita non solo per i locali e la movida, ma anche per vedere la Chiesa Stella Maris e andare al Museo Monte di Mola.

Non mancano di certo occasioni per fare compere negli splendidi negozi della Passeggiata e della Piazza Rossa.

Scendiamo ancora un po’ per arrivare a Golfo Aranci

Il territorio del Comune di Golfo Aranci sembra un braccio che si estende curvandosi in mare per difendere le bellezze che custodisce al suo interno.

Qui i segni della storia dimostrano che già in era nuragica c’era vita sociale e i reperti sono visibili ancora oggi, come ad esempio il pozzo sacro di Milis.

Le spiagge da raggiungere per godersi il sole sulle sabbie bianche e bagni in acque azzurre sono: le Cinque Spiagge, Cala Sabina, Cala Sassari, Spiaggia Bianca, Cala Banana.

Stai pensando a come noleggiare la barca? Non è poi così difficile

Se sei alle prime armi con i viaggi in barca devi sapere che non è un grande problema trovare il natante giusto per le tue esigenze e per le tue tasche. Per fortuna c’è internet e diversi siti attraverso i quali è possibile noleggiare una barca in Sardegna e partire per questa meravigliosa vacanza.

Un portale come Marenauta.com, per esempio, permette di inserire il periodo del viaggio, quale tipo di barca si vuole affittare (catamarano, a vela, caicco), il numero di persone, il luogo di partenza (Palau, La Maddalena, Baja Sardinia) e addirittura il range di prezzo che si vuole spendere. Una volta impostati i parametri basta un click sul tasto “Cerca” e appaiono decine di proposte tra cui scegliere.

La Sardegna è un luogo meraviglioso da esplorare via mare che regala infinito relax ai turisti e anche l’organizzazione della vacanza in barca deve essere il meno stressante possibile.

Share: