Betancuria: cosa vedere nell’antica capitale delle Canarie a Fuerteventura

Betancuria Cosa Vedere Antica Capitale Canarie Fuerteventura

il luogo perfetto dove scoprire la storia dell’isola

Nel centro-ovest dell’isola di Fuerteventura sorge la cittadina di Betancuria, immersa nel grande parco rurale che porta il suo nome, uno dei più importanti siti storici delle Canarie. Essere testimone della storia antica dell’arcipelago ai tempi coloniali ha reso questo paese di piccole dimensioni e poco popolato una delle mete turistiche più importanti dell’isola, anche grazie alla presenza di edifici storici e musei locali. Godetevi la nostra guida a Betancuria.

Noi vi consigliamo di non perdervi la cittadella e dedicarle almeno una giornata durante la vostra vacanza a Fuerteventura, perché ci sono davvero molte cose da fare e da vedere sia nel paese che nei dintorni. Ma prima un po’ di storia, per capire come questo piccolo paesino possa aver avuto tanta importanza nel periodo coloniale.

Approfondimento: la nostra guida completa a Fuerteventura, tutte le informazioni per il viaggio

Di cosa parliamo in questo articolo:

PRIMA DI PARTIRE PRENOTA UN’ASSICURAZIONE SANITARIA,
RIMBORSO VOLI, SMARRIMENTO VALIGIE, FURTO

Il passato prestigioso di Betancuria

Betancuria venne fondata nel 1404 dal cavaliere normanno Jean de Bethencourt come primo nucleo abitato dei colonizzatori spagnoli e capitale delle Canarie. Jean de Bethencourt decise di iniziare la costruzione della sua roccaforte in una nascosta valle interna, decisamente lontana dal mare e quindi più facilmente difendibile dagli attacchi dei pirati che ai tempi imperversavano sulle coste canarie con i loro devastanti saccheggi. Inoltre questa zona era anche molto florida a livello agricolo (per gli standard desertici di Fuerteventura) ed era in grado di regalare ottimi raccolti di cereali e quindi dare possibilità maggiori di sostentamento.

Fin dalla sua nascita è stata destinata a essere importante e, dopo essere stata scalzata dal ruolo di capitale dell’arcipelago, divenne capoluogo di Fuerteventura. Nonostante la posizione difficile da raggiungere e le piccole dimensioni rimase tale fino al 1834. Oggi è un paesino tranquillo che vive principalmente di turismo e funge da cuore culturale dell’isola dei venti.

Cosa vedere a Betancuria, Fuerteventura

Questa cittadina coloniale è famosa per le sue costruzioni religiose molto appariscenti. Riconosciuta nel 1979 come sito storico locale, è il luogo perfetto per chi vuole scoprire qualcosa di più sulla cultura canaria ai tempi dei primi conquistatori. Infatti qui troverete anche un paio di musei che a nostro parere sono tra i più interessanti dell’isola.

Senza dubbio il cuore religioso di Betancuria è la Chiesa Di Santa Maria, che venne costruita subito dopo la fondazione della città. L’edificio presenta ancora alcune parti originali come la base della torre campanaria, ma purtroppo gli attacchi pirateschi del famoso bandito Xaban Arraez e della sua ciurma hanno raso al suolo buona parte della struttura antica nel 1593. Oggi potete ammirare però bellissimi elementi risalenti a un restauro del 1620, come il coro (dove si trova una splendida pala d’altare in legno), il retabolo e la fonte battesimale. Questo edificio un po’ gotico-barocco ma anche mudejar è decisamente uno dei più belli di tutte le Isole Canarie.

Altro luogo che merita una visita è l’Eremita de San Diego (Eremo di San Diego) e l’antico convento francescano (il primo di tutto l’arcipelago) che si trova al suo fianco ovvero il Convento del San Buenaventura. Le rovine del monastero e dell’eremo si trovano poco a nord del paese e potrete visitarle gratuitamente. Questi edifici di pietre e calce bianca sono solo parzialmente restaurati ma sono comunque bellissimi, circondati da un bel giardino. Il convento venne fondato nel 1416 e fu il primo di tutte le canarie costruito dall’ordine francescano. Era in origine un edificio costruito con materiali poveri locali come il legno di palma, per questo motivo solo alcune parti del convento sono arrivate fino a noi.
Altro motivo per il quale non possiamo godere della struttura originale è che anche questa è stata parzialmente distrutta dai pirati nel 1593. Il convento venne poi ricostruito nel XVII secolo e progettato per ospitare 18 monaci (sono ancora visibili le basi murarie delle loro celle). La chiesa arrivata fino a noi ha base a croce latina e 2 sagrestie sui lati.
A due passi si trova l’Eremo di San Diego che è in condizioni migliori. Secondo la tradizione è stato costruito sopra la grotta dove era solito pregare il santo. Questo edificio a due navate dal carattere molto tradizionale è un luogo bellissimo, spirituale e pacifico.

PER NON PERDERVI NIENTE DI CORRALEJO, BETANCURIA,
LA OLIVA PRENOTATE UN’ESCURSIONE SCONTATA

Abbiamo citato la presenza di alcuni musei interessanti, parliamo in particolare del Museo di Arte Sacra e di quello Archeologico ed Etnografico. Entrambi si trovano vicini alla Chiesa di Santa Maria, anzi il primo si trova proprio all’interno, nell’ex-canonica dell’edificio, è piccolino ma espone diverse opere provenienti da vari edifici religiosi dell’isola. Quello Archeologico ed Etnografico invece è davvero interessante per capire la particolare storia di Fuerteventura sin dai suoi albori. Se come noi prima di arrivare qui non sapevate nulla delle tribù guanche vi consigliamo di dedicare un po’ di tempo a scoprire la storia degli aborigeni locali, che potrebbero essere stati addirittura i discendenti dei superstiti di Atlantide.

Ma oltre agli edifici sacri e ai musei passeggiando per Betancuria troverete anche diverse botteghe artigianali, caffè, ristoranti e negozietti che rendono l’atmosfera locale abbastanza vivace. Noi vi consigliamo di visitare e fare acquisti alla Queseria la Villa Flor de Betancuria un laboratorio artigiano con rivendita diretta di formaggi e tante allegre caprette che vi scorrazzano intorno.

Cosa vedere nei dintorni di Betancuria

A 15 chilometri dal paese troverete nel grazioso paesello Casillas de Angel, molto carino e caratteristico e diventato famoso per i suoi formaggi e per la Iglesia de Santa Ana dove si trova una veneratissima scultura in legno della santa.

Poco a sud di Betancuria invece, proseguendo lungo la strada principale, si trova l’Eremo de la Virgen de la Peña costruito in onore della Patrona dell’isola nel XV Secolo e tuttora meta di molti fedeli pellegrini che vogliono rendere omaggio alla bella statua in alabastro della santa.

Proseguendo lungo la via sempre verso sud troverete diversi view point: il Mirador Las Peñitas e il Mirador del Risco de las Peñas.

Se vi piace camminare sappiate che il Parque Rural de Betancuria offre la possibilità di fare molte belle passeggiate nella natura e trekking, uno molto semplice ma piacevole di soli 3 km vi porterà fino al belvedere di Morro Velosa a ben 610 mt di altezza, che è uno dei più alti dell’isola e a nostro parere offre una delle sue viste più belle.

Volete vedere una bellissima spiaggia di sabbia scura dalle onde imperiose? Dirigetevi lungo la costa, a circa 25 km da Betancuria, nel paesino di pescatori di Aiuy. Un luogo davvero caratteristico e incantevole di cui abbiamo parlato in questo articolo sulle migliori spiagge di Fuerteventura.

Dove Dormire a Betancuria

Essendo molto piccola e conservata gelosamente a livello architettonico a Betancuria non troverete grandi hotel e alberghi ma solo case vacanze e B&B, se amate alloggiare in famiglia nelle preziose case locali non rimarrete delusi e troverete ambienti splendidi, molto tradizionali. Dormire nel paese è un’esperienza unica durante un viaggio a Fuerteventura, non perdetevela.

Uno dei nostri B&B preferiti della città è Casa Doña Carmen una bella casa in pietra, centralissima e molto curata nei suoi arredi interni, il cortiletto interno è adorabile e intimo e la camera da letto luminosa e spaziosa.

Se invece cercate un hotel c’è il piccolo albergo locale Casa Princess Arminda, ricavato in un edificio storico tutto in pietra e gestito davvero in modo impeccabile! Il cortile interno è perfetto per rilassarsi e la piscina è piccola ma molto efficace per rinfrescarsi quando fa troppo caldo.

Dove Mangiare a Betancuria, Fuerteventura

Se dovessimo citare il luogo perfetto per un pasto informale ma golosissimo in puro stile canario sarebbe La Casa del Queso di Betancuria. Come potete immaginare è una mecca assoluta per gli amanti del formaggio, l’ambiente è spartano e alla mano, il menù ridotto ma assolutamente azzeccato: panini con formaggio fresco o stagionato, formaggio fritto con miele, crocchette e dolci caserecci (sempre al formaggio ovviamente).
Non avete mai assaggiato le maripepas? È arrivato il momento di scoprire questo dolce tipico canario proprio alla Casa del Queso.

Approfondimento: se cercate un’altra cittadina deliziosa a Fuerteventura non perdetevi Lajares