Guida a Isla de Lobos, Fuerteventura: cosa vedere, fare e come arrivare

Guida Isla De Lobos Fuerteventura Cosa Vedere Fare Come Arrivare

gita di un giorno perfetta da Fuerteventura o Lanzarote

Durante la vostra vacanza a Fuerteventura (o Lanzarote) vi consigliamo di visitare l’isolotto che si trova a nord lungo il tratto di costa davanti a Corralejo. Isla de Lobos è quattro chilometri di rocce, montagne vulcaniche, lagune e spiagge dalle acque cristalline. Una gita perfetta per cambiare un po’ aria e fare un piccolo ma piacevole trekking senza andare troppo lontano. Ecco come arrivare, cosa fare e cosa vedere a Isla de Lobos tra mare cristallino e sabbie maldiviane.

Siamo stati abbastanza fortunati da visitare questo famoso isolotto in un giorno in cui non c’era troppa gente, ci siamo goduti il bel circuito di sentieri che lo circumnaviga e qualche ora nella bellissima spiaggia della Concha e nelle piscine naturali del Puertito, senza fretta né troppa calca. Purtroppo in alta stagione c’è fin troppa gente sull’isola e questo può rovinare l’atmosfera, noi vi consigliamo di arrivare presto per fare un bel bagno quando ancora sono sbarcati pochi turisti e soprattutto evitare il weekend. Per il resto l’isolotto è piccolo e molto grazioso, davvero una meta ideale per una gita in giornata con varie attività!

PRIMA DI PARTIRE ACQUISTA LA GUIDA A FUERTEVENTURA:
COMPLETA, ECONOMICA, NECESSARIA

L’Islote de Lobos è disabitato (l’ultimo abitante dell’isola è stato Antonio Hernández, noto come “Antoñito, il guardiano del faro” che visse nell’edificio del Faro de Martiño fino al 1968 con la sua famiglia), non ci sono strade ma solo sentieri e c’è solo un piccolo centro con qualche vecchia semplice casetta di pescatori (usata dai proprietari solamente come casa di villeggiatura) e un solo ristorante. Isla de Lobos è l’area geologicamente più giovane di Fuerteventura visto che è stata formata 135.000 anni fa: oggi è considerata Parco Naturale Protetto, il suo nome deriva dalla presenza di grandi leoni marini (in spagnolo conosciuti come “lupi marini”) che hanno popolato i suoi scogli fino a 500 anni fa. Oggi la fauna più rappresentativa del luogo sono invece i tanti uccelli che popolano la riserva: gli appassionati di birdwatching infatti potranno cogliere l’occasione di ammirare esemplari locali e migratori come il falco pescatore, il puffino, la sterna, il gabbiano reale zampegialle e l’airone cenerino.

Approfondimento: la nostra guida completa a Fuerteventura, tutte le informazioni per il viaggio

Di cosa parliamo in questo articolo:

Come arrivare da Corralejo a Isla de Lobos, Fuerteventura

L’Isla de los Lobos si trova a nord di Fuerteventura e l’unico modo per raggiungerla è via mare. Partendo da Corralejo potrete prendere un traghetto dal molo turistico del porto cittadino, il tragitto è corto e non impegnativo (dura non più di 15 minuti).

Per conoscere gli orari del traghetto e acquistare i biglietti vi consigliamo di visitare il sito della compagnia Naviera Nortour che opera localmente.

Il prezzo è omogeneo tra le diverse compagnie, comprende la tassa d’ingresso al parco naturale e il viaggio per un totale di circa 15 euro a persona. È consigliabile prenotare con anticipo (almeno 3 giorni) perchè in alta stagione gli accessi al parco naturale sono limitati.

Se viaggiate in alta stagione avrete necessità di prenotare il trasferimento: è possible farlo con un water taxi, che ha lo stesso prezzo ma è più veloce e si può riservare: date un’occhiata a questo sito.

Dove mangiare a Isla de Lobos

Ebbene c’è un solo ristorante per pranzare sull’isola (non è aperto per cena) e quindi potrebbe essere una buona idea portare con voi un pasto al sacco. Se invece volete sperimentare la cucina locale (se così si può chiamare visto che è un’isola disabitata) vi consigliamo di prenotare subito appena sbarcati dal traghetto. Non è possibile riservare un tavolo diversamente e quindi fiondatevi al ristorante e, se sarete fortunati, potrete gustare pesce fritto fresco, paella e insalata (il menù è ridotto ma piacevole), i prezzi sono onesti (ma non affatto bassi!) per essere in questa location particolare. Il ristorantino si trova in un’insenatura vicino al Puertito , un luogo davvero incantevole.

Campeggiare a Isla de Lobos

Abbiamo già detto che purtroppo l’isolotto può essere affollato: per godervi pace e serenità e avere le splendide spiagge tutte per voi al tramonto potrete decidere di campeggiare qui per la notte. Sull’isola, come in tutte le Canarie, il campeggio libero non è ammesso ma è possibile fermarsi con la propria tenda alla Carpinteria, una zona camping priva di servizi. Dovrete però chiedere autorizzazione preventiva all’Oficina de Medio Ambiente del Cabildo de Fuerteventura che si trova al Calle Lucha Canaria di Puerto del Rosario. É indispensabile portarsi scorte d’acqua potabile!

Trekking lungo il sentiero di Lobos

Il sentiero di Lobos vi permetterà di vedere in una passeggiata di una manciata di chilometri quasi tutte le attrazioni dell’isola. Sono poco più di 5 km che potrete percorrere tutto d’un fiato (alcuni lo fanno correndo!) oppure facendo varie soste.

Le tappe salienti sono le saline storiche, il puertito, le formazioni di piccoli coni vulcanici chiamati fornellini, la laguna verdeggiante popolata di uccelli marini, la spiaggia della Concha, il faro e la bella vista sul vulcano più alto dell’isola (127 mt) chiamato la Caldera.
Il percorso è circolare e parte dalla zona visitatori vicino al molo, vi consigliamo di percorrerlo passando dal puertito, arrivare al faro e poi fare tappa alla spiaggia della Concha per rilassarvi dopo la passeggiata. Per una gita organizzata sull’isola con un trekking con una guida locale esperta vi consigliamo di rivolgervi al sito web Civitatis.com! Questa offerta interessante comprende pick up in albergo, traghetto, pranzo ed escursione guidata in italiano.

PRENOTA UNA GITA ORGANIZZATA
A ISLA DE LOBOS CON GUIDA LOCALE

Cosa vedere sull’Isla de Lobos, Fuerteventura

Durante il vostro trekking assicuratevi di fermarvi a vedere tutte le parti più belle e rappresentative dell’isola: è piccola e pedonabile ma nasconde tanti segreti.

Spiaggia La Concha

La spiaggia la Concha si trova a soli 10 minuti a piedi dal molo camminando verso il sentiero della costa ovest dell’isola. Questa baia piuttosto profonda ben protetta dalle correnti ha acque molto ferme e trasparentissime, noi l’abbiamo trovata perfetta per nuotare anche se un po’ troppo affollata per i nostri gusti. È considerata la più bella di Fuerteventura (altre spiagge imperdibili dell’isola le abbiamo elencate in questo articolo), noi crediamo non sia così (abbiamo apprezzato molto di più altre spiagge più grandi e selvagge), ma di sicuro l’acqua era incredibilmente azzurra e la sabbia bianca e fine.

Il Puertito

Questo era il piccolo villaggetto di pescatori dove è rimasta qualche casa e un piccolo molo rattoppato che vi permetterà di tuffarvi tra gli scogli in pozze d’acqua incredibilmente azzurra. Forse questo luogo ha le acque più belle di tutte le Canarie, di sicuro è il più amato per i selfie nell’acqua azzurro-turchese.

Saline di Marrajo

Percorrendo il sentiero de Lobos potrete fare ad un certo punto (alla fine della spiaggia de la Concha) una piccola deviazione e vedere le saline di Marrajo. Questi centri di raccolta sale vengono mantenuti in ottimo stato nonostante non siano più attivi commercialmente, noterete le grandi vasche naturali dove il sale si accumula e dove cristallizza diventando bianco e anche la presenza di un pozzo antico.

Las Lagunitas

In questa zona (toccata dalla parte di sentiero lungo la costa est dell’isola) vedrete, un po’ da lontano perchè non è possibile avvicinarsi troppo all’area protetta, una bella laguna verdeggiante (per gli standard canari) e grazie ad un punto osservazione potrete fare birdwatching in cerca di specie particolari di uccelli marini.

Il faro Martiño

Questa costruzione si trova sul monte Martiño circa 5 km a nord dal Puertito. Raggiunge i 29 metri sul livello del mare ed è l’unica opera ufficiale sull’isolotto di Lobos. Insieme ai fari di Tostón di El Cotillo, e al faro di (Pechiguera che si trova a Lanzarote) forma un triangolo di segnalazione per le navi che attraversano lo stretto di Bocaina, che separa Lanzarote e Fuerteventura. Il faro Martiño ha uno stile neoclassico molto pulito ed elegante, la sua torre cilindrico-conica è alta 6 metri e svetta nel suo colore giallo intenso con una bella lanterna bianca, lateralmente si sviluppa un edificio a un piano dove un tempo vivevano i custodi e passavano la notte i visitatori.
Salendo sulla terrazza alla base del faro godrete di una bella vista sull’isolotto e su Lanzarote.