cucina dell’Asia Centrale * agnello * kebab * montone

Il solo pensiero degli shashlik ci viene venire l’acquolina in bocca! La cucina uzbeka non offre troppo per i vegetariani duri e puri, ma chi ama la carne troverà il suo paradiso.

Gli Shashlik, tra i piatti più popolari in Asia Centrale, sono l’ultima frontiera del kebab! Un cibo tanto gustoso quanto semplice: carne di agnello, montone o pollo marinata per tutta la notte in una marinatura ad alta acidità insieme a verdure e spezie e cotta successivamente su una griglia chiamata mangal. La carne viene poi servita su spiedi di metallo, non prima di essere ricoperta da abbondante cipolla cruda. Uno delle salse da accompagnamento più diffuse è la adjika, fatta con peperoncini rossi, da sconsigliare a chi non ama il cibo piccante. A tavola con gli shashlik non mancherà mai anche la achichuk sala, ovvero un’insalata di pomodori e cipolle tagliati a fette sottili, aromatizzata con spezie ed erbe aromatiche!
Non può mancare il classico pane uzbeko, di cui in breve tempo siamo diventati dipendenti: sempre cotto sul momento in piccoli forni che vedrete ad ogni angolo di strada, leggero, tondo e alveolato. La sua particolarità è data anche dal pattern che spesso lo decora: è una sorta di firma (che si trova anche nei prodotti da forno nel Maghreb) che un tempo era utilizzata per distinguere il proprio pane dopo averlo cotto nei forni comuni. Lo stampo utilizzato per questa decorazione è chiamato chekichs.

Shashlik: l’ultima frontiera del kebab

Solitamente evitiamo di mangiar carne nei paesi dove le temperature raggiungono e superano i 40 gradi, ma in Uzbekistan non abbiamo saputo resistere e quasi tutti i giorni ci siamo abbuffati con questa carne speziata e tenerissima. Accompagnandola sempre con una birra ghiacciata. Ma le cattive abitudini si pagano: intossicazione alimentare per entrambi. Ma ne è valsa decisamente la pena.

Se gli shashlik hanno stuzzicato la vostra curiosità, non perdetevi la 10 cose che dovete sapere sull’Uzbekistan!

Shashlik Cucina Uzbekistan

Elisa alle prese con un’intossicazione alimentare in Uzbekistan

Share: