tutti li credono tipicamente thailandesi, ma la loro origine è indonesiana

Uno dei piatti che amiamo di più della cucina del sud-est asiatico sono gli speziati spiedini in salsa satay, un grande must tipici della cucina in Thailandia, Indonesia, Singapore e Malesia (ma anche molto diffuso in Cina); a sentirne il gusto non lo direste mai, ma sono facilissimi da cucinare anche a casa: vi proponiamo una ricetta semplice, economica e veloce.

Gli spiedini di carne vanno forte in tutto il sud-est asiatico. Ogni stato ha le sue specialità, ma la marinatura in salsa satay ha decisamente convinto tutti, tant’è che sia la cucina thailandese che quella indonesiana (dove questo tipo di spiedino viene chiamato sate) ne hanno fatto un piatto nazionale apprezzatissimo e servito in infinite varianti.




La chiave degli spiedini di carne in salsa satay è proprio nella speciale marinatura dalla consistenza densa e cremosa che avvolge la carne e la rende tenera e morbida. I sapori predominanti sono quelli del latte di cocco e del burro di arachidi (quando presente, perché contrariamente a quanto generalmente si pensa non è un ingrediente fondamentale); non manca mai anche una nota speziata e una acidula data da una spruzzata di lime.

Vuoi imparare a cucinare thailandese? Quello di Tom Kime è il miglior libro in commercio

Alle prime armi con la cucina thailandese? Cucina made in Thailandia è quel che fa per te

Le origini degli spiedini in salsa satay

Molte ricostruzioni storiche dimostrano che questi spiedini abbiano avuto origine a Java (Indonesia), per poi diffondersi in tutto l’arcipelago indonesiano dove si sono sviluppate molte varianti della ricetta originale. Verso la fine del diciannovesimo secolo, gli spiedini in salsa satay avevano attraversato lo stretto di Malacca ed erano arrivati a Singapore. poi più a nord in Thailandia e (con gli immigrati malesi delle Indie orientali olandesi) avevano raggiunto anche il Sud Africa, dove oggi sono noti come sosatie. I colonizzatori olandesi hanno portato questo piatto, così come molte altre specialità indonesiane e malesi, anche nei Paesi Bassi, dove alcune ricette locali hanno una forte influenza asiatica.

Potrebbe interessarti anche:
In cucina in Thailandia, la guida ai curry, le “paste speziate”

Satay in Thailandia e in occidente

Gli spiedini satay sono un piatto popolare in tutta la Thailandia. La cucina thailandese è certamente molto più commercializzata a livello internazionale e per questo, nonostante non siano un piatto autoctono ma indonesiano, è diffusa la credenza (soprattutto negli USA) che siano di origine thailandese.

La versione più conosciuta a livello internazionale è comunque quella thai, che vede gli spiedini solitamente serviti con salsa a base di arachidi anche a parte, foglie di cavolo o insalata e achat (verdure sottaceto).

Varietà di Satay

La carne più comunemente usata per gli spiedini in salsa satay include pollo, agnello, capra, montone, manzo. Ne abbiamo assaggiate versioni fatte con pesce, gamberi e calamari; oppure con frattaglie come fegato, intestino e trippa (versione popolarissima soprattutto in Cina). Normalmente la carne viene tagliata a forma di cubetti, in pezzi più grossi e carnosi oppure frequentemente in sottili striscioline.



A seconda della provenienza possono essere usati spiedi in fibra di cocco, di bambù oppure spiedi di acciaio. Spesso i rivenditori di strada formano vere e proprie collane utilizzando fibre vegetali per legare i tagli di carne in vendita.

La carne viene condita, massaggiata, marinata e poi grigliata su fiamma o braci di carbone. La marinatura può variare moltissimo a seconda della zona in cui questo piatto viene servito: molto spesso è fatta semplicemente con latte di cocco, salsa di soia dolce, a volte spicca un tocco piccante o speziato di zenzero e molto spesso viene usata anche una pasta di arachidi che dona alla carne un morbido sapore dolciastro. Il satay di maiale spesso viene servito accompagnato da pezzi di ananas abbrustoliti in una sorta di satai agrodolce e caramellato.

Ricetta per spiedini satay di pollo fatti in casa

Sono così buoni che non ci si può credere che cucinare gli spiedini di carne in salsa satay in casa non solo è possibile, ma è anche molto facile. Vi proponiamo una ricetta perfetta per fare un pasto leggero o per un aperitivo sfizioso. Ricordate che la canea va marinata con largo anticipo e che anche la salsa può essere preparata diverse ore prima di essere servita.

Ingredienti per 4 persone (porzioni da aperitivo)

Per la salsa:

2 cucchiai di salsa di soia

1/2 cucchiaio di salsa di pesce (facoltativo)

2 cucchiai di succo di lime appena spremuto

1 cucchiaio di miele

1 pizzico di peperoncino in polvere e di pepe nero

1 cucchiaino di curcuma in polvere

2 cucchiaini di zenzero fresco grattugiato

1 spicchio d’aglio d’aglio, privato dell’anima e tritato

Per la carne:

Petti di pollo (o cosce disossate) senza pelle, 1kg, leggermente battuti e tagliati a strisce da 1 pollice

1 tazza di brodo di pollo

spiedini di legno

Decorazione:

Coriandolo fresco tritato, arachidi tostate non salate tritate e spicchi di lime, per servire

Procedimento:

Miscelare il tutto (tranne il lime) e utilizzare 1/3 di salsa per marinare la carne, che dovrà rimanere in contenitore chiuso in frigorifero per almeno 4 ore oppure tutta la notte. Lasciare riposare a temperatura ambiente per 30 minuti prima della cottura, se si utilizzano spiedini di legno, immergere gli spiedini in acqua per 30 minuti prima di grigliare.

Nel frattempo, preparare la salsa di arachidi: in una casseruola media, unire il brodo di pollo a tutti gli altri ingredienti tranne il succo di lime. Portare a ebollizione a fuoco medio, quindi lasciare cuocere, mescolando spesso, fino a quando la salsa si è addensata. Spegnere il gas e lasciare riposare, quando la salsa è tiepida aggiungere il lime e mettere da parte in una ciotolina.

Quando si è pronti per la cottura preriscaldare una griglia, infilare il pollo negli spiedini e grigliare il pollo fino a cottura. Lascia riposare per 2-3 minuti e cospargere con arachidi tritati e coriandolo, quindi servire caldo con salsa di arachidi e spicchi di lime. Se volete rendere la salsa di arachidi ancora più fresca aggiungete subito prima di servire un cucchiaio di yogurt bianco al naturale, se invece non amate la carne potreste utilizzare il tofu alternato a cubetti di verdure per ottenere un ottima alternativa vegetariana, ma evitate di utilizzare la salsa di pesce!


Share: