izakaya e club non sono solo a Shibuya e Shinjuku

La capitale del Giappone è una metropoli in continuo fermento, dove le mode si susseguono veloci in una costante ma imprevedibile evoluzione continua. Anche la vita notturna di Tokyo segue trend sempre nuovi, per questo se volete godere appieno le possibilità che offre questa città dalle mille facce dovrete conoscere i migliori quartieri della nightlife. Non parleremo solo Shinjuku e Shibuya, ma anche di tante altre aree molto meno turistiche. Questa piccola guida vi permetterà di orientarvi tra i migliori quartieri dedicati al divertimento serale a Tokyo, in base alle vostre preferenze e al vostro budget. Alcune tra le zone che citiamo sono rinomatissime e citate in ogni guida mentre altre sono quartieri del divertimento emergenti che ci sono stati consigliati da amici giapponesi durante la nostra lunga permanenza nella capitale del Sol Levante e che abbiamo amato particolarmente.



Vita notturna a Tokyo: Shinjuku

Centralissimo, sovraffollato, sfavillante e caotico. Questo quartiere immerso tra i grattacieli è stato a lungo sede prediletta di alcuni dei club e locali notturni più famosi della città, tra cui il famigerato locale monotematico Robot Restaurant (che è ormai un’attrazione attempata per turisti). Sicuramente insieme a Shibuya è il quartiere per eccellenza dove passare la notte e bighellonare tra un locale e l’altro, sia che amiate i locali caotici o che preferiate quelli più intimi. Non è la nostra passione per i prezzi spesso troppo alti e l’eccessivo afflusso di expat e turisti. Una delle zone più belle e tradizionali del quartiere che abbiamo apprezzato tantissimo 10 anni fa durante la nostra prima visita a Tokyo è Golden Gai, un crocchio di vie tutte dedicate a piccolissimi locali antichi e tradizionali in stile izakaya o tachinomi, brulicanti di vita notturna e interessantissimi. Oggi, 2018, Golden Gai zona è piuttosto decaduta e passata di moda, diventata più che altro un quartiere turistico, dove i prezzi sono più alti che altrove. Meglio quindi restare dalle parti di Kabukicho che pur essendo una scelta per nulla originale, regala un brulicare di locali senza soluzione di continuità. Se siete golosi di cibo coreano e soju, sappiate che a pochi passi a Kabukicho c’è la vivace Koreatown di Tokyo.

Non partire per il Giappone senza la guida Lonely Planet

Tokyo: la guida più completa

Non partite per il Giappone senza un’assicurazione sanitaria di viaggio

Vita notturna a Tokyo: Shibuya

Shibuya è il centro indiscusso della città ed è frequentatissimo sia di giorno che di notte. In questa zona tantissimi esercizi sono aperti 24 ore su 24 e il quartiere è vivace e vissuto anche in piena notte. Sicuramente vale la pena una visita notturna allo Shibuya Crossing per vedere l’attraversamento pedonale più affollato e famoso del Giappone (e forse del mondo) illuminato dalle luci al neon e dai maxi schermi dei grattacieli, inoltre se siete amanti dei club e delle discoteche qui avrete l’imbarazzo della scelta. Un esempio su tutti è l’Atom Tokyo, aperto e pieno zeppo tutte le sere (occhio che nel weekend, venerdì compreso, i prezzi di ingresso triplicano). Il livello generale è un po’ più basso di quello della vicina area di Roppongi (che è la meta più esclusiva per i clubbers) e la clientela è generalmente giovanissima.


Vita notturna a Tokyo: Koenji

A ovest di Shinjuku si trova uno dei quartieri più frequentati del momento quando si parla di moda vintage e musica alternativa. Quello che un tempo era il quartiere più punk di Tokyo, oggi è un susseguirsi di negozi e locali vagamente hipster dall’atmosfera cosmopolita rilassata e conviviale. Anche l’architettura di Koenji è particolare visto che è caratterizzata da case basse molto tradizionali: zona ideale per una passeggiata in orario aperitivo che sfocia in un lungo tour di bevute. A Koenji i prezzi qui sono decisamente più contenuti rispetto alla vicinissima Shinjuku.

Vita notturna a Tokyo: Roppongi

Di giorno, l’area di Roppongi (una frazione del quartiere Minato) è una delle principali attrazioni culturali e commerciali della città, piena di gallerie d’arte e centri commerciali elegantissimi. Di notte non perde affatto di vitalità e diventa il quartiere di intrattenimento più cosmopolita, nonché il preferito da tantissimi expat in città. La Roppongi notturna è una New York capace degli eccessi di Berlino con la stravaganza di una grande città asiatica. Il Roppongi Crossing, area ricchissima di locali è dove hanno inizio quasi tutte le serate nel quartiere, per poi continuare verso il corso principale Gaien Higashi Dori in qualche cocktail bar da mille una notte per poi terminare in uno tra i club più esclusivi della città. Perché gli eccessi di Roppongi non ci piacciono? Troppo costosa, troppo esclusiva e pretenziosa ma soprattutto troppi troppi gaijin.

Vita notturna a Tokyo: Shimokitazawa

Il miglior quartiere per la vita notturna a Tokyo? Noi non abbiamo nessun dubbio quando si tratta di uscire la sera in compagnia di amici scegliamo Shimokitazawa. In posizione un po’ defilata, ma a circa 10 minuti di metro da Shinjuku, troverete un crocchio di vie tutte dedicate all’intrattenimento tra ristoranti, locali, karaoke, caffè e negozietti in stile vintage. Fino a qualche anno fa questa zona non era particolarmente rinomata ,ma recentemente moltissimi giovani di Tokyo vengono qui a passare le loro serate quando non vogliono affrontare la ressa dei quartieri più centrali e spendere un po’ meno.

Vita notturna a Tokyo: Ebisu

Ebisu non è un quartiere in sé per sé, ma una piccola parte di Shibuya; non la sua zona più conosciuta ma sicuramente molto interessante da esplorare soprattutto in tarda serata per la ricchezza di ottimi bar e ristoranti. Amatissima da avventori tra i 30 e i 40 anni più che dai giovanissimi, Ebisu è la meta perfetta per passare una notte di festeggiamenti molto giapponese negli izakaya in stile tradizionale oppure in alcuni tra in migliori standing bar della città.

Dove dormire a Tokyo

Se restate in città a lungo potreste pensare di affittare un appartamento o una stanza, affidandovi quindi a Airbnb: iscrivendovi da questo link riceverete un buono fino a 35 euro per effettuare la vostra prima prenotazione. Altrimenti ecco alcune delle migliori soluzioni direttamente tra le offerte di Booking.

Lucky Hostel

Dormire in centro a Shinjuku, in un ostello modesto ma sicuramente curato, spendendo solo 48 euro per una camera doppia a notte è possibile. Basta prenotare con grande anticipo al Lucky Hostel e accontentarsi di non avere il bagno in camera. PRENOTA ORA!

Sophiearth III Hostel

Con il Sophiearth III Hostel salirete di “un gradino” rispetto al Lucky Hostel, ma senza spendere cifre folli: 69 euro a notte per una stanza dal grande rapporto qualità/prezzo, in una delle zone più centrali di Shinjuku. Se siete una coppia ricordate che non ci sono letti matrimonaili, ma solo a castello.PRENOTA ORA!

Almond Hostel & Cafè Shibuya

Per una doppia all’Almond Hostel spenderete 90 euro, ma dormirete nel cuore di Shibuya e soprattutto sarete in un ostello dall’arredamento ricercato, moderno e con tratti davvero giuste. Se volete spendere meno ma non rinunciare a tanta cura, prenotate un posto letto in dormitorio. PRENOTA ORA!


Share: