quartiere coloniale * street art * multiculturalità * cibo

Se vi piacciono le città intrise di storia e dall’architettura insolita, George Town sull’isola di Penang sarà una meta perfetta da aggiungere assolutamente in un itinerario di viaggio in Malesia. È uno di quei rari luoghi che, nonostante abbiano abbracciato la modernità, hanno conservato un fascino antico: se l’isola di Penang gode di tanto appeal turistico è anche grazie alla sua città principale, che brulica di cose da vedere, fare e… mangiare. George Town negli anni è diventata infatti una popolarissima meta turistica per una grande varietà di viaggiatori. Grazie al suo ambiente perfetto sia per chi cerca una meta ricca di charme che per chi vuole comfort e relax, la città è frequentata sia da famiglie, che da viaggiatori zaino in spalla. Entrambe le categorie ovviamente arrivano da queste parti anche per nomea, della città e dell’intera isola di Penang, di essere la capitale del buon cibo tradizionale malese (e, perché no, per un po’ di sano shopping).

Di cosa parliamo in questo articolo:

Non partite per la Malesia senza la Guida Lonely Planet. Guardate le offerte su Amazon!

Non partite per la Malesia senza un’assicurazione sanitaria di viaggio

Come muoversi a George Town, Malesia

Se volete organizzare un tour fai da te in città vi consigliamo di noleggiare una bicicletta. Vedrete molti turisti optare per il risciò ma per muovervi più in libertà (anche in stradine strette e leggermente in salita) vi sconsigliamo questa opzione. In città troverete Freedom Leisure Cycle Company o dal Chin Seng Leong Bicycle Shop che noleggiano bici in ottime condizioni per circa 1,20 euro al giorno. Inoltre nei bike rental troverete ottime mappe gratuite per visitare la città su due ruote senza fare troppa fatica! Per gli spostamenti più lunghi affidatevi ai bus cittadini oppure a Uber e Grab (il conveniente servizio di taxi app asiatico). I taxi canonici sono molto meno convenienti ed efficienti di queste ultime soluzioni.

George Town è la città principale della bellissima isola di Penang:
scoprine tutti i segreti nel nostro articolo!

George Town, Malesia: patrimonio dell’Unesco e passato coloniale

George Town è la capitale dello stato malese di Penang e si trova nella parte nord-orientale dell’omonima isola. Con una popolazione di oltre 550.000 persone, tra centro e sobborghi, è una delle città più grandi della Malesia dopo, ovviamente, Kuala Lumpur.  Il fascino per cui George Town è diventata celebre in lungo e in largo è ben rappresentato dal suo caratteristico centro storico, impregnato di un’essenza multiculturale più unica che rara che l’ha resa degna di essere inserita nell’elenco dei siti patrimonio dell’Unesco. Multiculturalità significa anche affascinante mix religioso: girando a piedi per il suo centro non potrete fare a meno di notare come templi buddisti, moschee, chiese e templi induisti si susseguano e convivano uno di fianco all’altro.

La città venne fondata nel 1786 dal capitano Francis Light della Compagnia Britannica delle Indie Orientali. La Compagnia inglese cercava una nuova base strategica nello stretto di Malacca e fece dell’isola di Penang una meta di grande importanza nelle proprie rotte commerciali. La popolazione dell’isola in meno di 20 anni ha raggiunto i 12.000 abitanti, così George Town è potuta prosperare floridamente diventando nel corso degli anni una meta di espatrio molto ambita. Il risultato oggi è una città dal retaggio architettonico e culturale coloniale davvero originale, che da decenni accoglie comunità provenienti da tutta l’Asia (ma con prevalenza cinese e indiana) che convivono in grande armonia in un mix culturale davvero efficiente e speciale.

Gli edifici coloniali di George Town

Appena arrivati non vi sarà difficile capire quale sia la cosa più bella da fare a George Town: passare ore vagando per il suo centro storico scoprendone l’antico passato coloniale, che si esplicita in una lunga serie di edifici che non esiterete a riconoscere per la loro architettura, la fattura opulenta e i colori di quelle tonalità pastello che ricordano i migliori film di Wes Anderson. I palazzi coloniali si annidano ovunque e il loro fascino è quello di godere di diversi livelli di ristrutturazione: alcuni quasi si nascondono all’interno di quartieri più vecchi, altri si ergono imponenti, perfettamente tirati a lucido, e sono impossibili da non notare. Sono case private, uffici, musei, negozi, non c’è limite all’utilizzo di queste antiche vestigia del passato coloniale (inglese) della città, dell’isola e della Malesia stessa.
La vostra visita al quartiere coloniale della città (anche se alcuni degli edifici più particolari e meno conosciuti potete trovarli, vagabondando, fuori da quest’area) potrebbe iniziare vicino al lungomare e in particolare nei pressi del Queen Victorial Memorial Clock Tower, ovvero una bianchissima torre dell’orologio che sorge nel bel mezzo di una trafficata rotonda, realizzata in stile moresco. La torre è stata un regalo simbolico di un ricco possidente locale in occasione dei 60 anni di regno della Regina. Commissionata nel 1897 è infatti alta 60 piedi, uno per ogni anno di Regno.
Pochi passi e arriverete proprio nel cuore dell’area durante il periodo coloniale gli inglesi hanno costruito i loro edifici amministrativi, culturali e luoghi di culto: Fort Cornwallis (costruito a partire dal 1786) di cui oggi rimangono le mura esterne, è uno dei simboli di questo passato neanche troppo lontano. Camminando per nemmeno cento metri vi imbatterete nella Queen Victorial Memorial Clock Tower, ovvero una bianchissima torre dell’orologio che sorge nel bel mezzo di una trafficata rotonda, realizzata in stile moresco. La torre è stata un regalo simbolico di un ricco possidente locale in occasione dei 60 anni di regno della Regina. Commissionata nel 1897 è infatti alta 60 piedi, uno per ogni anno di Regno.

Cosa Vedere George Town Penang Malesia

È il momento adesso di andare proprio sul lungo mare e arrivare in pochissimi minuti di cammino in quelli che sono i nostri edifici preferiti in assoluto della città: il Town Hall e il City Hall, elegantissimi, di un bianco lucente e splendidamente conservati, svettano, circondati da palme e tanto verde, e ospitano ancora oggi alcuni degli uffici più amministrativi più importanti dell’isola. La loro costruzione si fa risalire ai primissimi del 1900. Proseguite con la visita alla Penang High Court Georgetown, che ospita i tribunali dell’isola, la cui costruzione è partita dal 1809. I perfezionisti e gli appassionati di architettura coloniale potrebbero visitare anche la Convent Light Street School, un tempo residenza del governatore, oggi diventata la più antica scuola femminile della Malesia. Concludete il vostro tour del quartiere coloniale con due chiese; The Cathedral of the Assumption, enorme, fiera e circondata da un giardino che le dona grande pace; San George Anglican Church, che si trova proprio dietro l’alta corte, è la più antica chiesa anglicana del sud-est asiatica, essendo stata costruita a partire dal 1818. Quel che vedete oggi è un edificio restaurato dopo che i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale l’hanno danneggiato.

Scoprire George Town attraverso la Street Art

La Street Art di George Town è stata inaugurata nel 2012 da un giovane artista lituano, Ernest Zacharevic che ha iniziato a decorare, durante il festival annuale di George Town, i muri della città con vere e proprie opere d’arte destinate soprattutto a ridare vita ad alcuni edifici storici in disuso. Da quel momento in poi la sua idea geniale ha dato vita ad un movimento di artisti locali e non, che hanno reso ancora più belle e colorate molte aree poco valorizzate ed edifici decadenti. Indicarvi i murales più belli dell’area (parliamo della città vecchia) sarebbe un’operazione non solo futile (sono in continua evoluzione) ma anche deleteria per il vostro divertimento: vi priverebbe del piacere della scoperta, di girare l’angolo e di ritrovarvi di fronte a un’opera di arte di strada che perfettamente si sposa con il carattere moderno e tradizionale di George Town.

Cosa Vedere George Town Penang Malesia

I migliori musei di George Town, Malesia

Esplorando la capitale dello stato di Penang scoprirete che qui il concetto di museo prevede spesso piccole esposizioni dal carattere intimo e un po’ artigianale. Vi consigliamo di dare un’occhiata ai piccoli e maggiori musei della città e concedervi l’ingresso ad almeno un paio, alcuni sono gratuiti o ad offerta libera mentre altri richiedono una tassa d’ingresso solitamente di circa 4-5 euro. Non sarà troppo economico ma son soldi ben spesi, almeno per le seguenti opzioni:

Chocolate & Coffee Museum: la pausa perfetta per rifarsi dal caldo (o magari ripararsi dalla pioggia) è visitare questa piccola bottega artigianale che illustra tutti i processi di produzione di caffè e cioccolata del proprio laboratorio e offre assaggi gratuiti. L’ingresso è ad offerta libera e il posto è davvero incantevole!

Penang Wonderfood Museum: uno dei più simpatici e utili musei della città che offre ai visitatori uno sguardo stravagante e approfondito sulla cultura gastronomica unica di Penang, con un’esposizione di riproduzioni di piatti tipici di questa zona della Malesia. Situato all’interno di un edificio coloniale degli anni ’40, conserva al suo interno tutti i modelli iperrealistici, realizzati a mano dal proprietario del museo, Sean Lao, che ha studiato le tecniche di riproduzione alimentare basandosi sulle incredibili tecniche tradizionali giapponesi.

Pinang Peranakan Mansion: questa speciale casa museo offre la possibilità di scoprire qualcosa di più sulla vita e la cultura dei ricchi coloni cinesi che hanno fatto di molte aree dello Stretto la propria casa. La villa è stata completamente restaurata e ha pezzi d’antiquariato originali provenienti da altre abitazioni locali. È possibile, e consigliatissimo, richiedere una visita guidata all’edificio.

Cosa e dove mangiare a Penang, paradiso dei foodie

Il cibo a Penang è speciale, sia che si tratti di street food economico che di ristoranti eleganti. Questa città offre una varietà talmente abbondante di opzioni culinarie che è stata battezzata dai critici il “paradiso dei buongustai malese”. Ovviamente noi abbiamo apprezzato la possibilità di mangiare bene e spendere poco e abbiamo snobbato le alternative più costose, ecco qualcuno dei posti migliori per il buon cibo di George Town.

Gurney Drive è una delle zone più frequentate dai turisti perché, questa zona di passeggiata sul lungomare, offre tantissime possibilità di assaggio grazie alle numerose banchette di street food che si susseguono l’una dopo l’altra. Ma se volete assaggiare il cibo di Penang come lo amano i locali dovreste farlo presso il più famoso food market della città: New Lane  Questo mercato di street food all’aperto si sviluppa lungo Lorong Baru, che dalle 16:00 in poi si riempie di tavolini e rivenditori di specialità di cucina malese dalle varie influenze regionali ed etniche. Cosa ordinare per godersi il miglior cibo della regione? Un bel piatto di noodles in salsa agrodolce di cocco, ovvero i laksa, noodles piatti saltati con pasta di gamberetti e salsiccia (char koay teow), oppure degli ottimi noodles di pasta fresca all’uovo in salsa di soia scura e dolce (conosciuti dai locali come hokkien mee) o le famosissime tagliatelle in zuppa di curry al latte di cocco (curry mee). Se volete qualcosa di più ardito provate una bella Oh Chien, ovvero una frittata a base di ostriche!

La nightlife di George Town, Malesia

Se la Malesia in generale vi è sembrata un po’ deludente per la sua nightlife quasi inesistente (complici le tasse sugli alcolici volute dal governo musulmano), vedrete che George Town non vi deluderà. In città troverete tantissimi locali sparsi ovunque dove tirare tardi, ma la nostra zona preferita per la vita notturna è sicuramente quella di Love Lane dove dall’orario dell’aperitivo in poi si ritrovano giovani in relax e iniziano a riempirsi molti posticini che propongono musica dal vivo all’aperto. Con gli happy hour (tra le 17 e le 21, circa) le birre fresche diventavano abbastanza convenienti. Non dimenticatevi di fare un salto al Antarabangsa Enterprise, un modesto rivenditore di birra e alcolici che, per i suoi prezzi stracciati, si è creato una clientela fedelissima che ha iniziato ad affollare i suoi semplici tavolini e sedie in plastica fino a farne un ritrovo frequentatissimo.

Dove dormire a George Town

Il surplus di soluzioni d’alloggio di George Town è decisamente impressionante! Ostelli, alberghi, pensioni e appartamenti si contendono la numerosa clientela turistica che ogni giorno affolla l’isola e che per forza di cose programma una tappa in questa bella città. Abbiamo ancora una volta selezionato per voi qualche albergo interessante dal web.

WeLuv Travel Guesthouse

Se cercate una soluzione economica ma confortevole vi consigliamo di scegliere WeLuv Travel Guesthouse, un albergo modesto ma ben curato che offre sistemazioni comode comode nella zona di Kampung Malabar di George Town. Per soli 16 euro a notte avrete camere doppie con aria condizionata, WiFi e letti giganti! PRENOTA ORA!

Fhoya-fhoya di Chulia

A soli 15 minuti di cammino da Penang Time Square e a pochi passi dal Wonderfood Museum questa Guest House è davvero nella location perfetta! Ma la vera perla che rende questo luogo unico è la cura con cui è arredato e curato in uno stile che è un mix perfetto tra rustico ed elegante, con un tocco etnico molto personale. Per meno di 30 euro in doppia vi sembrerà di essere in un albergo a 5 stelle. PRENOTA ORA!

Areca Hotel Penang

Se la vostra scelta ideale è un albergo di lusso arredato con mobilio di design e curato in ogni piccolissimo dettaglio l’Areca Hotel Penang non vi deluderà. E il bello è che non dovrete affatto svuotare il portafogli visto che offre camere doppie deluxe a partire da 40 euro! PRENOTA ORA! Money.ccn.com Gettingstamped.com

Share: