viaggiare sicuri * vaccinazioni obbligatorie *  malaria

La Thailandia è la meta ideale per ogni tipo di viaggiatore oltre che per l’alto livello di servizi anche per una situazione sanitaria relativamente buona rispetto ad altre aree limitrofe del Sud-est asiatico e standard igienici elevati, soprattutto nelle principali mete turistiche. In questo articolo parliamo delle vaccinazioni consigliate per la Thailandia e dei farmaci utili durante un viaggio nel paese.

Anche se per un viaggio in Thailandia dall’Italia non sono richiesti vaccini obbligatori e la situazione sanitaria in questo paese asiatico è solitamente sicura, prima di patire vi consigliamo di consultare il vostro medico o di rivolgervi allo sportello Ausl della vostra città dedicato alla salute in viaggio. Infatti è importante tenere in considerazione diverse problematiche relative alla salute in viaggio, per prima cosa è necessario assicurarsi che non ci siano particolari epidemie in atto nella zona che si ha deciso di visitare, inoltre bisogna sapere che nelle aree rurali o nelle zone di giungla alcune malattie pericolose sono molto più diffuse che in città. Per questo un medico specializzato saprà sicuramente consigliarvi al meglio valutando il vostro itinerario. Anche in Thailandia è indispensabile stipulare una buona assicurazione sanitaria. Ricordate che in Thailandia le strutture sanitarie delle città principali sono solitamente molto all’avanguardia, ma se si decide di ricorrere a cliniche private il costo sarà sicuramente alto.

Le malattie endemiche in Thailandia

La malaria, malattia trasmessa dalle zanzare è stata quasi debellata dalle aree urbane e da quelle più turistiche della Thailandia ma rimane endemica nelle zone rurali. Per informazioni sulla profilassi antimalarica rivolgetevi al vostro medico e leggete il nostro articolo sulle vaccinazioni consigliate nel Sud-est asiatico che tratta anche dei pro e i contro della profilassi anti malarica.

Dengue e chikungunya (malattie trasmesse tramite la puntura delle zanzare), sono endemiche in gran parte del sud-est asiatico, sia nelle zone rurali che in città e spesso vengono rilevati picchi elevati di diffusioni nel periodo post monsonico. Recentemente sono scoppiati anche focolai di virus zika, molto pericoloso per le donne in gravidanza. Per difendersi da queste malattie trasmesse dalle zanzare, come dalla più rara encefalite giapponese, è necessario adottare attenzioni continue ed utilizzare prodotti antizanzare durante tutto il viaggio.

Epatite A, Tifo e Colera sono malattie che si possono contrarre in Thailandia tramite l’assunzione di cibo e acqua contaminati. Gli standard igienici delle aree più turistiche sono comunque molto elevati in Thailandia e solitamente anche il ghiaccio e l’acqua servita nei ristoranti è sicura. Ma vi consigliamo di consultare un medico e valutare la somministrazione dei vaccini, soprattutto se vi avventurate in zone rurali o ai convini con altri paesi come Laos, Cambogia e Birmania.

L’Epatite B e l’Hiv, patologie che si possono trasmettere sessualmente o attraverso il contatto con il sangue, sono largamente diffuse in tutta la Thailandia. Ricordatelo anche nel caso in cui decidiate di fare un tatuaggio e valutate che vengano utilizzati strumenti sicuri.

La rabbia, trasmessa di morsi di animali, non va sottovalutata, se trascorrete un lungo periodo nel paese e pensate di fare trekking nella giungla, lunghe escursioni o visitare luoghi con animali selvaggi dovreste prendere in considerazione la vaccinazione. Tra gli animali selvatici più a rischio troverete scimmie, pipistrelli e tanti cani randagi. Cercate di non avvicinarli mai.

Vaccinazioni consigliate per un viaggio in Thailandia

Ecco quindi le vaccinazioni che vi consigliamo per un viaggio in Thailandia, consultatevi con il vostro medico e valutate con un responsabile Ausl quali vaccini eseguire prima della partenza. Ricordate che le zone rurali sono in linea di massima meno sicure a livello sanitario, così come le lunghe escursioni nella giungla e i soggiorni in periodo post monsonico (per le patologie trasmesse da zanzare) e la stagione più secca nelle zone rurali e aride (per il pericolo di contaminazione di cibo e acqua).

Epatite A

Epatite B

Difterite

Tifo (febbre tifoide)

Polio

Tubercolosi

Colera

Tetano

Molti non consigliano di effettuare il vaccino anticolerico, che invece noi abbiamo sempre eseguito perché oltre a essere preventivo contro questa patologia (poco diffusa in città ma endemica nelle aree rurali) aiuta a prevenire molte altre sindromi gastrointestinali e le intossicazioni da cibo contaminato.

Oltre a queste vaccinazioni controllate di essere coperti per tutte le vaccinazioni previste dal programma nazionale italiano e di non aver saltato alcun richiamo.

Quanto tempo prima della partenza fare i vaccini

Solitamente è necessario prendere appuntamento con lo sportello Ausl cittadino dedicato ai viaggiatori internazionali e ciò necessita di almeno una settimana di attesa. Per questo motivo se pensate di dover fare diversi vaccini/richiami vi consigliamo di muovervi almeno 40 giorni prima della partenza. Alcune vaccinazioni richiedono diverse somministrazioni e altre non sono compatibili tra loro per cui vanno eseguite a distanza di tempo l’una dall’altra. Quindi per evitare di bombardare il vostro corpo tutto in una volta vi consigliamo di prenotare con anticipo il vostro consulto allo sportello viaggiatori.

Quali farmaci portare per un viaggio in Thailandia

Per quanto riguarda l’approvvigionamento di medicinali sappiate che nelle grandi città troverete grandi farmacie aperte 24h con banconi luccicanti e scorte di farmaci a volontà, mentre nei piccoli paesini avrete più difficoltà a trovare farmacie ben rifornite. Per questo motivo se decidete di esplorare le zone meno battute è meglio portare con voi una buona scorta di farmaci. Richiedete al vostro medico di consigliarvi e prescrivervi un antibiotico intestinale ad ampio spettro, antidiarroci,  antipiretici, antiemetici, antinfiammatori e fermenti lattici (che possano stare fuori frigo). Come già accennato portate con voi scorte di antizanzare per il corpo: sono presidi più importanti di qualsiasi farmaco per evitare le patologie trasmesse dalle zanzare.

Share: