la città dei laghi * palazzi decadenti * gita a sanchi

La capitale dello stato indiano del Madhya Pradesh, è affascinante e allo stesso tempo ricca di contrasti. Vi chiedete cosa fare a Bhopal? In questo articolo vi spiegheremo perché dovreste dedicare diversi giorni alla scoperta di questa città in bilico tra passato e modernità. Vedrete come Bhopal ci ha stupito dandoci esattamente ciò di cui avevamo bisogno: il fascino di una grande città autenticamente indiana ma con un pizzico di comfort in più.

La particolarità di Bhopal sta proprio nella sua doppia faccia: da un lato c’è la città vecchia, abitata e frequentata prevalentemente da cittadini musulmani, tra meravigliose moschee, antichi palazzi in rovina e mercati vivaci dove perdersi è un attimo e dall’altra ci si ritrova in quartieri moderni caratterizzati da centri commerciali alla moda, locali dove servono cocktail e birra alla spina e ristoranti esclusivi. Inoltre il fascino della città vecchia e la modernità di quella nuova sono fortemente in contrasto con un’area dai un paesaggi desolanti e lugubri attorno alla famigerata fabbrica chimica Union Carbide, sede di una delle peggiori tragedie industriali del mondo, conosciuta da tutti come il “disastro di Bhopal”, causato nel 1984 dalla fuoriuscita di 42 tonnellate di isocianato di metile che portò alla morte di più di 2200 persone e all’intossicazione di molte di più. Bhopal, essendo un’importante centro economico e commerciale dello stato è collegata perfettamente da numerosi bus e treni, quindi da qualunque zona dell’India non sarà difficile raggiungerla. Non perdetevela per nulla al mondo se siete in giro per il Rajasthan o per l’Uttar Pradesh: sarà una piacevole deviazione, lontana dai percorsi turistici classici. Per muoversi in città vi consigliamo di utilizzare l’app Ola, che offre servizio taxi (tramite autovetture e tuk tuk) a prezzi davvero competitivi e che, a differenza di altre città, qui funziona perfettamente. Sappiate che un paio di giorni Bhopal li merita tutti e che da qui potrete, con una gita in giornata, raggiungere un luogo di grande interesse turistico come Sanchi (leggete il nostro articolo cosa vedere a Sanchi per saperne di più) o le Udayagiri Caves, distanti poco meno di due ore dalla capitale del Madhya Pradesh.

Non partite senza la guida lonely planet dell’india

Durante l’avventura in india leggete i pensieri di una viaggiatrice come noi

Assicurazione sanitaria: fate un preventivo immediato e gratuito

Di cosa parliamo in questo articolo:

Dove dormire a Bhopal

Il nostro consiglio è alloggiare nella zona del mercato di Chowk, immersi nell’atmosfera colorata della città vecchia e ad un passo dalla stazione di treni e bus.

Adarsh Palace

Questa sistemazione, in piena zona mercato vecchio ma sufficientemente imboscato per non soffrire dei suoi rumori, offre un ottimo rapporto qualità prezzo. L’hotel (in corso di rinnovo a settembre 2017) offre alcune stanze nuovissime e molto pulite a soli 11 euro a notte in doppia. Pulizia impeccabile, servizio in camera perfetto, inglese del personale più che buono, insomma, la nostra scelta Bhopal. Ah: costa poco ma vale tanto, non fatevi ingannare dal prezzo. PRENOTA ORA!

Jheelam Homestay

Se preferite alloggiare fuori dal traffico cittadino e magari cercate un homestay per vivere completamente l’esperienza di qualche giorno a contatto con una famiglia del posto questa è la soluzione che fa per voi. Per 11 euro a notte troverete stanze confortevoli e intime e un’atmosfera davvero accogliente. PRENOTA ORA!

Hotel Lago Villa

L’Hotel Lago Villa offre ottime stanze di livello per gli ospiti che cercano qualche dettaglio in più; gode di un’ottima posizione appena defilata dal centro e il personale super servizievole. Stanze doppie a partire da 30 euro, che da queste parti è già un prezzo discretamente importante. PRENOTA ORA!

Cosa vedere a Bhopal, India

Upper e Lower Lake

Conosciuto anche come “Bhojtal”, l’Upper Lake offre i migliori paesaggi di Bhopal ed è sicuramente un ottimo luogo dove passeggiare o per godersi un picnic in uno dei bei parchi che lo circondano. Secondo la leggenda, la storia del lago risale ai tempi del grande re Parmara Raja Bhoj, noto anche per aver fatto di Bhopal la capitale del suo regno tra il 1005 e il 1055 d.C. Sembra che Raja Bhoj soffrisse di una grave malattia della pelle e che un santone gli avesse suggerito di fare numerosi bagni, per questo il sovrano creò il lago artificiale, facendo confluire (sempre secondo la tradizione) 365 fiumi. Vi consigliamo di passeggiare attorno alle sue rive la domenica, quando tante famiglie si recano in visita al lago e i venditori di cibo di strada affollano i parchi che lo circondano con invitanti stuzzicherie.


Nelle vicinanze dell’Upper Lake si trova il Chhota Talaab o il Lower Lake. Oltre ad essere un’attrazione turistica popolare per la bella vista e la possibilità di fare lunghe passeggiate, questi laghi sono anche un’importante fonte d’acqua, in grado di soddisfare le esigenze quotidiane di quasi il 40% dei residenti della città e durante le feste locali la popolazione di Bhopal si riunisce sulle loro sponde per pregare e celebrare le ricorrenze oppure per dedicarsi ad attività ricreative come canottaggio, canoa e kayak. Il bellissimo Kamla Park adiacente ai laghi è il ritrovo preferito dai locali per trascorrere piacevoli giornate immersi nel verde o per praticare sport all’aperto, al suo interno troverete anche il Rani Kamlapati Palace, un tempo residenza regale, ora in stato di semi abbandono.

Bhopal Madhya Pradesh India Architettura Moghul

I laghi di Bhopal

Sair Sapata

Sviluppato dalla Madhya Pradesh State Tourism Development Corporation, Sair Sapata è un nuovo complesso turistico e di intrattenimento situato sulle rive del Lago Superiore a Bhopal, distribuito su una vasta area di 24,56 ettari. Inaugurato nel 2011, il parco offre parecchie attrazioni in stile indiano: fontane musicali, un ponte sospeso, un trenino turistico, un’area spettacoli e una dedicata al cibo. Sicuramente è un luogo interessante per famiglie, in un modello di parco divertimenti un po’ superato ma in un certo senso affascinante proprio perché strettamente legato alla cultura del divertimento indiana (spesso infantile, chiassosa e fortemente ispirata all’ambito religioso).

Parco Nazionale Van Vihar

A pochi chilometri dal centro della città si trova un grande parco nazionale che si estende per circa 450 ettari. Questa area verde è popolata da tantissimi animali salvati dalla cattività o sotto tutela, gli erbivori vagano liberamente mentre mentre i carnivori sono racchiusi in aree protette per prevenire il bracconaggio. Il parco nazionale ospita anche un numero ammirevole di specie in via di estinzione. Purtroppo nel complesso l’atmosfera è troppo simile a quella di uno zoo, anche se le autorità assicurano che questo è un luogo per la tutela e la riabilitazione della fauna locale.

Taj-ul-Masajid

Conosciuta anche come la “Corona delle moschee”, la Taj-ul-Masajid è una splendida moschea costruita dal terzo sovrano femminile di Bhopal, Shah Jahan Begum, che voleva creare la più grande moschea del mondo. Senza dubbio è riuscita nell’intento di creare una delle moschee che più ci sono piaciute in India. La moschea, abbarbicata su una collinetta e circondata da un bacino d’acqua, presenta una facciata rosa sulla quale si ergono due imponenti minareti ottagonali di 18 piani con cupole di marmo. Sotto le tre enormi cupole a bulbo della moschea si trova il corridoio principale con bellissimi pilastri e pavimenti in marmo. L’imponente porta principale ad archi conduce alla sala principale di preghiera. La moschea è stupenda e passeggiare al suo interno tra le vasche per le abluzioni dà una sensazione di calma e serenità che ci ha stregati.

Bhopal Madhya Pradesh India Architettura Moghul

All’interno della Taj-ul-Masajid

Moti Masjid

Conosciuta anche come la “Moschea di Perla” per via del suo scintillante pavimento di marmo bianco, questa moschea è un altro luogo religioso musulmano di grande interesse per la sua bellezza ma anche per il suo grande valore spirituale. Costruita nel 1860, sotto il dominio di Sikander Jehan Begum (una delle figure femminili più importanti nella storia di Bhopal) è tuttora considerata un’importante meta di pellegrinaggio per i musulmani di tutta l’India. I minareti della moschea si ergono imponenti in un appariscente color rosso mattone fiancheggiando l’edificio principale in marmo bianco che è coronato da due piccole cupole. Situata proprio nel cuore della città vecchia è circondata da vivaci mercati e immersa in un quartiere ricco di strabilianti esempi (in rovina) di architettura moghul.

Bhopal Madhya Pradesh India Architettura Moghul

I palazzi di Bhopal: Gohar Mahal, Shaukat Mahal & Sadar Manzil

Situato vicino all’Upper Lake a alla Moti Masjid il Gohar Mahal è una splendida testimonianza architettonica del ricco passato di Bhopal e rappresenta un’eccellente miscela di stili moghul e indù. Prende il nome dalla prima donna governante di Bhopal, Qudisiya Begum conosciuta anche come Gohar Begum, che non solo fu un capo efficiente e imparziale dello stato ma anche una grande mecenate dell’arte e dell’architettura. È sotto la sua supervisione che questo imponente palazzo fu costruito nel 1820. Gli esterni e gli interni furono costruiti con grande attenzione ai dettagli e furono decorati con disegni e motivi religiosi complessi. Poco dopo la costruzione divenne il centro del potere amministrativo e politico della città ed è proprio in questo luogo che furono prese molte delle decisioni che resero in passato questa Bhopal florida e prosperosa. Oggi questo luogo storico tanto importante giace abbandonato e decadente da molti anni, è possibile osservarlo dall’esterno e farsi un’idea della bellezza e grandiosità dei suoi interni purtroppo inaccessibili. Situato nelle vicinanze del “Gohar Mahal” si trova un’altra meraviglia architettonica di Bhopal: lo “Shaukat Mahal”. Costruito nel XIX secolo durante il regno di Sikander Begum, figlia di Gohar Begum, il palazzo è famoso per il suo design originale che mostra una miscela unica di stili di architettura indo-islamica ed europea. In una città che era principalmente dominata da monumenti ed edifici in stile Moghul, lo Shaukat Mahal all’epoca fu una rivoluzione che ruppe la monotonia dell’architettura locale. Concepito e progettato da un architetto francese, in questo edificio si combinano perfettamente stili post-rinascimentali, gotici e medievali. Grazie alle sue particolarità questo luogo divenne dopo la sua costruzione un ritrovo per i mecenati e artisti della zona che ne apprezzavano il raro fascino estetico. Anche dopo due secoli, la grandezza e lo splendore di questo monumento storico rimangono impareggiabili nella città. A pochi passi si trova una seconda meraviglia architettonica: l’elegante edificio in mattoni rossi Sadar Manzil, circondato da giardini. Un altro palazzo da cartolina, che con il suo color mattone acceso spicca ulteriormente in contrasto con i colori pallidi e chiari dello Shaukat Mahal.

Bhopal Madhya Pradesh India Architettura Moghul

I palazzi di Bhopal: Gohar Mahal

Manuabhan Tekri & Ropeway

Pronti per lo spettacolo di vedere tutta Bhopal dall’alto di una della sua collinetta qualche chilometro fuori dal centro città? Saltate allora su un tuk-tuk e chiedete di portarvi ai pedi della Bhopal Ropeway (voi costerà 2-3 euro per una buona mezz’ora di strada). Arriverete ad una funivia che in pochi minuti e per un centinaio di rupie (andata e ritorno) vi porterà diversi metri più in alto: questo è una meta molto popolare per brevi gitarelle domenicali delle famiglie indiane che arrivano qui per mangiare un gelato, ridere e scherzare, godere del panorama sulla città e magari fare una visita al Manuabhan Tekri, il tempio jainista che si trova sul cocuzzolo della collina. Non imperdibile, ma vale il tempo impiegato.

Lakshmi Narayan

Un viaggio a Bhopal rimane incompleto senza visitare il famoso tempio di Lakshmi Narayan, noto anche come “Birla Mandir”. Uno dei 18 templi costruiti in tutta l’India dalla famosa famiglia Birla, sorge in cima alle colline di Arera e offre panorami mozzafiato dei dintorni e dei laghi. I vasti prati che lo circondano sono punteggiati da bellissime fontane che conferiscono a questo luogo sacro indù un fascino pittoresco e un’atmosfera tranquilla. La divinità che presiede il tempio è di Dea Lakshmi, raffigurata in una bella statua con il suo consorte Vishnu nel tempio interno principale.

Bhopal Madhya Pradesh India Architettura Moghul

Che colori il Lakshmi Narayan

Shopping a Bhopal

Bhopal è una città perfetta per lo shopping perchè qui potrete visitare alcuni grandi mercati in stile tradizionale indiano (rifornitissimi e con prezzi decisamente allettanti) ma anche centri commerciali modernissimi e (per gli standard indiani) di grande lusso. Bhopal inoltre è famosa per i sari in seta di Tussar: una combinazione di cotone e seta particolarmente pregiata che potrete reperire a ottimi prezzi. Le principali aree commerciali della città sono Chowk, New Market e Bittan Market. L’area di Chowk, situata nel cuore della città vecchia, è uno spettacolo per gli occhi: infiniti negozietti e bancarelle che vendono ogni tipo di merce. Noi abbiamo fatto incetta proprio qui di te, incensi, bigiotteria e spezie. Il nuovo mercato invece è meno caratteristico e più orientato all’abbigliamento. Il mercato di Bittan è specializzato in frutta e verdura. Invece se quello che cercate è un centro commerciale all’ultima moda dirigetevi verso il D.B. Mall e non rimarrete delusi, in questo centro commerciale troverete tutto quello che cercate ma occhio alla spesa che può essere esorbitante.

Bhopal Madhya Pradesh India Architettura Moghul

Splendidi palazzi in rovina punteggiano la città

Dove andare prima e dopo Bhopal

Come già suggerito Bhopal può essere presa come base per alcune gite interessanti di un giorno. In particolare quella all’antico complesso buddhista di Sanchi è immancabile. Allo stesso tempo non dovreste perdervi le Udayagiri Caves, che potreste vedere lo stesso giorno che in cui andate a Sanchi. Ma la capitale è solo una delle tante meraviglie del Madhya Pradesh, stato enorme nell’India centrale, ancora poco toccato, soprattutto nella sua zona ad ovest, dal turismo di massa. Parecchi chilometri più a occidente, sempre all’interno dello stesso Madhya Pradesh, c’è un impressionante quadrilatero di città sacre e vestigia in rovina di gloriosi imperi che non dovreste perdere: parliamo del sito archeologico di Mandu, della splendida Maheshwar, afacciata su uno dei fiumi più sacri del’India, della sapta puri Ujjain e di Omkareshwar, una Varanasi in miniatura. Se invece volete proseguire verso est, per poi magari dirigervi in Uttar Pradesh le scelte sono molteplici: mai sentito parlare dei templi esempio di arte erotica che svettano a Khajuraho? Da lì potreste dirigervi ad Orchha e poi cambiare stato, in attesa di tante altre avventure.

Share: