quel mix tra tradizione e comfort, tra natura selvaggia e servizi

Una fusione affascinante tra oriente e occidente, Penang è sia un’isola che una provincia che si estende lungo la costa nord-occidentale della Malesia. Oggi parliamo proprio di Pulau Penang, che attira quasi quattro milioni di turisti ogni anno, famosa per essere un grande esempio di come la Malesia sia riuscita ad abbracciare la modernità pur mantenendo intatte le sue tradizioni e il proprio fascino antico.Perla indiscussa dell’isola è la città di George Town recentemente inserita tra i siti del patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO per la sua ricchezza storica e culturale. Considerata a lungo la capitale del “buon cibo” Malese, Penang attira i visitatori anche prendendoli per la gola, con un’offerta di ristoranti e mercati degna di una capitale. Ma l’isola ha anche bellezze naturali da non sminuire, con spiagge interessanti e un cuore di giungla e montagne molto piacevole da esplorare.




Forse il grande sfruttamento dell’isola non la rende troppo appetibile per gli amanti dell’avventura in territori incontaminati, ma grazie alla grande varietà di attività che può offrire è decisamente una meta ideale per passare qualche giorno frenetico durante un viaggio in Malesia o anche per trascorrere un periodo più lungo in un ambiente cosmopolita e gradevolmente moderno da long time traveller (tra i quali quest’isola è piuttosto famosa).

Non partite per la Malesia senza la Guida Lonely Planet. Guardate le offerte su Amazon!

Non partite per la Malesia senza un’assicurazione sanitaria di viaggio

Di cosa parliamo in questo articolo:

Come muoversi sull’isola

Penang ha un buon sistema di bus pubblici ma se desiderate muovervi velocemente e con i vostri tempi sappiate che l’opzione migliore rimane chiamare un Grab (la versione asiatica di Uber),mezzi  efficientissimi soprattutto per spostarsi tra George Town, Batu Ferringhi e l’aeroporto. I comuni taxi rossi e bianchi non usano il tassametro e non sono affatto convenienti. L’altra opzione se passate un po’ di tempo qui è noleggiare uno scooter, vi costerà tra i 5 e i 15 euro al giorno (a seconda del modello e della vostra abilità a trattare). Attenzione perché il traffico in città è decisamente complesso da gestire e ai malesi piacciono le alte velocità.

Le migliori spiagge di Penang

Nella zona di costa a nord-ovest di George Town (dove gli hotel e i locali affollati si affacciano praticamente sul mare, tra musica ad alto volume e moto d’acqua) c’è più caos che pace ed è per questo che questa non è la miglior opzione per godersi una giornata di mare. Fermandovi qui potreste pensare che l’isola non abbia belle spiagge tranquille, il che non è assolutamente vero. Le migliori spiagge di sabbia bianca di Penang sono solo un po’ fuori mano, come quelle della punta nord-occidentale, all’interno del Penang National Park vicino a Teluk Bahang, che si può raggiungere con una breve uscita in barca o anche su strada (con una facile passeggiata di un’ora nella giungla). La spiaggia di Teluk Kampi a sud di Pantai Kerachut è una di queste oasi di quiete e pace.


Se invece non vi dispiace un po’ di compagnia potreste apprezzare la spiaggia di Batu Ferringhi la più nota località balneare organizzata di Penang. Qui si trovano alcuni tra i resort più belli della Malesia e ogni periodo dell’anno è buono per indugiare in feste in riva al mare.

Cosa fare a Penang: la cosmopolita George Town

Le strade di George Town hanno un fascino davvero unico e il mix di architetture che la caratterizza fa si che questa città abbia meritato una nomina nell’elenco dei siti patrimonio dell’Unesco. Qui pare che ogni angolo di strada abbia una storia da raccontare. Georgetown è una città affascinante e pittoresca, piena di shophouse, antichi edifici coloniali e tantissimi risciò che trasportano turisti e gente del luogo per il suo dedalo di vicoli, tra templi cinesi o indiani e negozi tradizonali. Le vestigia del suo distretto coloniale fanno di Georgetown una meta di assoluto interesse culturale, leggete il nostro articolo di approfondimento (vedi link sotto) per conoscere meglio alcuni dei luoghi più interessanti della città.
Approfondimento: cosa vedere a George Town, vivace capitale di Penang

Cosa Vedere Penang Malesia Mare Spiagge Cibo

Cosa fare a Penang: Penang Hill

Quando sarete sazi di George Town e vorrete tornare a immergervi nella natura malese sarà il momento di scoprire le bellezze di Penang Hill. La collina di Penang è in realtà un insieme di diverse alture che si trovano nel cuore dell’isola e che raggiunge un’altezza di 833 metri nel suo punto più alto chiamato Western Hill. Oltre a Western Hill, le altre vette che formano Penang Hill includono Bukit Laksamana, Tiger Hill, Bukit Bendera e Bukit Kerajaan. A Bukit Bendera si trova la stazione più elevata della funicolare (funicular train) che vi trasporterà lungo un percorso a 735 m sopra il livello del mare offrendo viste spettacolari. In zona è possibile fare bellissime passeggiate lungo percorsi segnati, visitare templi immersi nella natura e anche partecipare a degustazioni di durion nelle numerose durion farm che popolano questa zona di giungla.

La favolosa cucina di Penang

Le delicatezze culinarie di Penang spaziano dal cibo di strada alla cucina più raffinata, ma qualsiasi piatto affronterete sappiate che il suo mix di sapori sarà diverso e particolare rispetto a quelli offerti del resto della cucina in Malesia. La cucina di Penang infatti è conosciuta per il suo spiccato tono regionale che negli anni ha saputo unire con un tocco fortemente speziato le diverse realtà del paese, tra cui spiccano le comunità cinesi hokkien, hakka e teochew, i tamil indiani, i malesi “puri” e gli inglesi. Da tutta la Malesia arrivano turisti locali che fanno lunghissimi viaggi solo per una gita di stampo gastronomico, tra zuppe e speciali panini al vapore. Per quanto riguarda gli amatissimi noodles, i must have locali sono noodles in una salsa di cocco profumata e agrodolce (laksa), noodles piatti saltati con pasta di gamberetti e salsiccia (char koay teow), noodles di pasta fresca all’uovo saltati in salsa di soia scura e dolce (hokkien mee) e tagliatelle in zuppa di curry al latte di cocco (curry mee).

Quando andare a Penang: la stagione migliore

Grazie alla sua posizione vicino all’equatore, Penang soffre particolarmente del cosiddetto clima equatoriale, che in pratica porta caldo e umidità per tutto l’anno.

L’umidità non scende mai al di sotto del 75% durante il giorno e del 65% durante la notte e da settembre a ottobre (i mesi più piovosi dell’anno) la situazione è anche peggiore. Tuttavia, la bellezza delle piogge all’equatore è che solitamente si passa in pochi minuti dal diluvio universale a splendide giornate soleggiate con cieli tersi e luminosi. In ogni caso i mesi di gennaio, febbraio e marzo sono solitamente i migliori per visitare Penang perchè le piogge sono limitate e il livello di umidità è solitamente più contenuto.
Approfondimento: quando andare in Malesia, sfidando monsoni e temperature elevate

Visitare Penang, Malesia, durante le festività

Se state programmando una tappa del vostro viaggio a Penang fatelo controllando il calendario. Con ben quattro religioni abbondantemente rappresentate tra la popolazione locale – Islam, Buddismo, Induismo e Cristianesimo – c’è un’alta probabilità che festività e festival influenzino, in positivo, la vostra esperienza di viaggio. Da questo punto di vista momento migliore per passare di qui è senza dubbio l’autunno (attenzione però al meteo!), quando Penang celebra il Diwali e il festival dei Nove Imperatori Cinesi oppure controllate i calendari per il Capodanno Islamico e l’Hari Raya; certo l’isola è super affollata in questi momenti ma l’aria di festa che si respira è davvero impagabile… solo ricordatevi di prenotare gli alberghi con largo anticipo.

Dove dormire a Penang, Malesia

Oltre ad essere un’isola piena di sorprese Penang è anche una meta perfetta per chi cerca un soggiorno all’insegna del comfort e del relax a prezzi contenuti. Infatti, grazie alla grande concorrenza tra i tanti alberghi che affollano questa meta turistica, è possibile trovare alloggi curatissimi ed eleganti a prezzi davvero convenienti. Abbiamo selezionato per voi i migliori alloggi dell’isola su Booking, cercando di soddisfare un po’ tutti i gusti e i budget!

Vintage House

Questa struttura dal fascino coloniale si trova a 1 minuto a piedi dalla spiaggia di Georgetown e offre sistemazioni davvero accoglienti e confortevoli, una connessione WiFi gratuita perfettamente funzionante e un grazioso giardino interno dove rilassarsi e sorseggiare un te ghiacciato. Le camere sono davvero spaziose e danno quella sensazione di “casa” che molti alberghi moderni sembrano sottovalutare. Per soli 27 euro in doppia potete approfittare di tutto questo confort nel cuore della città. PRENOTA ORA!

Home Elizabeth

Se quella che cercate è una pensione modesta in zona Batu Ferrighi che offra un alto livello di servizi e una rilassata gestione familiare, allora home Elizabeth è la soluzione perfetta per voi. Questa guest house vi accoglierà con stanze doppie semplici ma curate (aria condizionata compresa) a partire da 20 euro a notte, ideali anche per lunghi soggiorni. PRENOTA ORA!

Cassie’s Small House

Se invece volete un vero e proprio appartamento cercate una tra le Cassie’s Small House, dei mini appartamentini completi di ogni facility necessaria per godersi al meglio questa splendida isola. Con tanto di vista mare, palestra e sauna comune per soli 35 euro a notte! Un lusso esagerato a prezzi interessanti. PRENOTA ORA!

Photo Credits: findingbeyond.com

Share: