le acque termali di Ischia sono tutte diverse tra loro

La rinomata isola di Ischia fa parte dell’arcipelago delle isole Flegree ed è compresa nell’area designata come città metropolitana di Napoli. La sua posizione strategica all’interno dello scenografico Golfo di Napoli e la vicinanza con le mete turistiche isolane di Procida e Vivara, ne fanno una meta ideale per il turista che ha voglia di rilassarsi al mare e allo stesso tempo vuole godere di una location curata e vivace. Ma non solo: le terme di Ischia sono tra le più rinomate d’Italia.

L’isola maggiore delle Flegree è infatti famosa non solo per i suoi bei paesaggi e il cibo saporito. La natura vulcanica dell’isola ne ha fatto anche uno dei migliori centri termali di tutta Europa: Ischia è davvero il luogo perfetto per una vacanza all’insegna del divertimento e del benessere grazie alla sua atmosfera naturale e alle sue acque benefiche.
Se invece volete sapere tutto il resto sull’Isola delle Terme vi consigliamo di visitare il sito InfoIschia.



L’offerta termale di Ischia

Le sorgenti termali sono presenti in molte zone dell’isola e numerosi centri attrezzati si sono negli anni organizzati per sfruttare al meglio questa risorsa naturale così preziosa. Le tipologie di acque termali ischitane sono tante e la loro ricchezza sta anche nella diversità tra esse: è proprio per questo motivo che l‘acqua di Ischia è in grado di avere effetti benefici su una grande varietà di patologie. Le acque alcaline contengono infatti sostanze medicamentose come zolfo, iodio, ferro, cloro, potassio e tante altre speciali miscele utilissime nella cura di artrosi, nevralgie, infiammazioni, patologie cutanee e respiratorie. Inoltre a Ischia è possibile sperimentare diverse tipologie di applicazioni delle acque termali. come i fanghi benefici, le inalazioni, le docce, i bagni di vario tipo, le inalazioni, le irrigazioni e tanto altro ancora. Le strutture ischitane sono tante e tutte di alto livello, alcune hanno specialità particolari mentre altre coprono una gamma molto varia di attività termali. Inoltre la maggior parte di esse sono accreditate con il Servizio Sanitario Nazionale ed è quindi possibile accedervi a prezzi modici o gratuitamente a seconda della tipologia di prescrizione medica personale.
Come se non bastasse, completano questo quadro di benessere il clima piacevole, la vegetazione rilassante e il cibo naturale che caratterizzano la bella Ischia, soprannominata anche l’Isola delle Terme.

Potrebbe interessarti anche:
Terme gratuite in Toscana: Bagni San Filippo

La storia delle terme di Ischia

L’origine della composizione vulcanica di Ischia è antica e complessa: infatti uno studio dei materiali vulcanici che la compongono porta addirittura ad attività eruttive vecchie almeno 150.000 anni. A questo periodo risale probabilmente la prima grande eruzione che ha dato origine all’isola, mentre successivamente un’altra eruzione avvenuta circa 75.000 anni fa ha completato l’opera generando il monte Epomeo e il suo tufo verde tanto speciale. 

Le acque termali non sono certo una scoperta recente, infatti sin dall’antica Grecia le proprietà di queste sorgenti particolari venivano impiegate per la cura del corpo e dello spirito in difficoltà. Tra gli stabilimenti termali apprezzati dagli antichi greci viene citata anche l’Isola di Ischia e le sue benefiche sorgenti calde e odorose che già a quei tempi la resero famosa.



Che i romani amassero le terme per il relax del corpo oramai è noto e ovviamente anche l’isola di Ischia venne sfruttata a dovere dai conquistatori romani che realizzarono qui diverse “thermae”. Rimangono a testimonianza della costruzione di queste aree attrezzate ai bagni alcune tavolette votive incise come quelle ritrovate a Nitrodi, dove sorgeva un tempietto dedicato alle custodi delle acque: le Ninfe Nitrodie.

Da allora fino ad oggi le sorgenti termali di Ischia non hanno smesso di suscitare interesse nei popoli italici e anche oggi, che sono una meta turistica rinomata nel mondo, non hanno perso nemmeno un briciolo del loro antico fascino.

Le acque termali di Ischia

Ischia ha un patrimonio idrotermale tra i più antichi e vari del mondo. Attualmente esistono 69 gruppi fumarolici e 29 gruppi di sorgenti di acque termali iper minerali e iper-termali idonee ai trattamenti terapeutici ed estetici. Le sorgenti sono sparse su tutto il territorio di 42 kmq dell’isola, poichè in tantissimi luoghi basta scavare a una certa profondità per creare una nuova sorgente. Le acque termali dell’isola sono tutte del tipo salino-alcalino, ma la loro composizione e il livello di miscelazione con l’acqua marina rende le acque delle variesorgenti molto diverse tra loro a seconda delle falde e dei territori attraversati.
Le sorgenti ischitane hanno solitamente una temperatura compresa tra i 18 e 90°C (quasi tutte sono quindi acque dette iper-termali per l’alta temperatura che le caratterizza), elevati tenori in alcali e silice e conducibilità elettrica gli 840 e i 56000 S/cm.

Potrebbe interessarti anche:
Terme gratuite in Toscana: San Casciano dei Bagni

Le migliori sorgenti termali di Ischia

Come abbiamo detto, il suolo di Ischia genera numerose sorgenti di acque termali, tutte con composizione diversa e quindi con specifiche qualità curative. La rinomata acqua del Pontano è nota per le cure vescicali e gastrointestinali ed ha un alto effetto diuretico. La presenza di elementi come sodio, calcio, potassio e magnesio la rende anche un ottimo ricostituente. La composizione alcalina è molto efficace per guarire le ferite della cute e facilitare la cicatrizzazione senza infezioni ma anche per alleviare i reumatismi.

A Castiglione c’è una sorgente le cui acque sono rinomate per combattere la stitichezza e i dolori articolari come anche quelle delle terme Manzi, Belliazzi, Scioli, La Rita.

Nella zona di Lacco Amento (dove si trova anche il famoso stabilimento Negombo) si trovano numerose sorgenti di acque termo-minerali speciali per la cura di patologie uterine e ovariche.

La zona di Forio (dove sorge il complesso termale Poseidon, tra i più antichi di Ischia) era un tempo considerata una meta dalle acque proficue per combattere la sterilità, ma ora le sue terme sono consigliatissime per tanti altri tipi di patologie vista la loro ricchezza e varietà di elementi minerali.

Molto rinomati sono anche sono i Giardini di Aphrodite e le terme tropical in S. Angelo o l’antico centro di Nitrodi di Barano.

In tutta l’isola esistono fonti diverse e speciali per composizione ma tutte quante sono caratterizzate dal forte valore antireumatico e anti-artrite.

I parchi termali organizzati più famosi di Ischia sono O’ Vagnitiello, Negombo, i giardini di Poseidon, Castiglione, Cavascura, Nitrodi, l’Apollon Thermal Park e il Park Terme Romantica.


Share: