Quali sono i migliori quartieri da visitare a Singapore: i più belli e originali

Quali Migliori Quartieri Visitare Singapore

non fermatevi alle solite zone turistiche!

Se state valutando un viaggio a Singapore e volete capire quanto tempo rimanere in città vi assicuriamo una cosa: c’è anche troppo da fare e vedere! Molti dedicano solo un paio di giorni al paese, ma una visita mordi e fuggi non è assolutamente abbastanza, a testimoniarlo ecco una guida ai migliori quartieri da visitare durante un itinerario a Singapore: leggendola capirete che ognuno è assolutamente particolare. In questo articolo vi parleremo di alcune zone molto note e di altre aree della città meno conosciute, che però vale la pena vedere per potersi fare un quadro locale abbastanza realistico. Muovendovi oltre alle solite zone turistiche capirete la complessità e il carattere sui generis di questo lembo d’Asia che, se ci pensate, è davvero piccolissimo ma che rappresenta un microcosmo unico al mondo composto da comunità diversissime tra loro che dell’essere eterogenei hanno fatto una forza invece che una debolezza. È proprio la diversità a dare un carattere piuttosto eccentrico a Singapore, non troverete altri paesi come questo al mondo, così come al suo interno non troverete un quartiere simile all’altro. Ancora una volta ribadiamo che qui c’è molto da vedere, quindi leggete la nostra guida e scoprite con noi la vivace varietà di Singapore.
Di cosa parliamo in questo articolo:

Chinatown e Telok Ayer

Sicuramente Chinatown è una delle zone più belle della città e anche una di quelle più accattivanti. Visitandola troverete una miscela di stili architettonici vecchi e nuovi, tanta architettura in stile cinese, grandi templi come il Buddha Tooth Relic Temple e il Sri Mariamman Temple, per non parlare di alcune tra le migliori food court: gli hawker centre Hong Lim e Maxwell Food Centre (ve ne abbiamo parlato in questo articolo). Una delle zone turisticamente più calde di Chinatown è quella attorno al Museo Etnografico Chinatown Heritage Centre e vicino a Chinatown Food Street. Ma se dobbiamo dire la verità la nostra parte preferita da esplorare di questo quartiere molto grande è Telok Ayer, una delle strade più antiche di Singapore dove l’architettura particolare e l’atmosfera cosmopolita ci hanno fatto innamorare. Questa un tempo era una zona costiera (ora resa entroterra da continue bonifiche) nonché il primo punto di approdo per i migranti che arrivavano via mare.Qui si insediarono le prime comunità di coloni che costruirono uno di fianco all’altro i rispettivi luoghi di culto per esprimere (unite dalla spiritualità anche se con fedi diverse) gratitudine alle divinità per il superamento del viaggio. Questo ha reso ha reso Telok Ayer e le vie limitrofe uno spazio di convivenza multiculturale davvero ben riuscito e affascinante nonché uno splendido simbolo del carattere peculiare di questa città. Oltre a ciò, questa parte di Chinatown offre la possibilità di visitare splendidi mercati moderni come il Telok Ayer Market (dove si mangia divinamente) insieme a numerosi caffè e ristorantini alla moda, in particolare coreani e giapponesi.

LE CURE OSPEDALIERE A SINGAPORE SONO CARISSIME
NON DIMENTICATE L’ASSICURAZIONE PRIMA DI PARTIRE

Dove dormire a Chinatown:

Met A Space Pod @ Chinatown: una soluzione innovativa che permette di dormire in capsule dall’aspetto spaziale, anche doppie, ad un ottimo rapporto qualità prezzo!

Tiong Bahru

Un altro must see in città è il colorato quartiere di Tiong Bahru, una zona poco gettonata dai turisti di passagio ma molto amata dagli expat che abitano a Singapore. Il motivo? È incredibilmente graziosa soprattutto per la presenza di edifici originali in stile art deco dai colori brillanti. Qui l’atmosfera è quieta e rilassante, è il posto ideale per scoprire piccole caffetterie alla moda, panetterie francesi e fare un salto in libreria. Eh sì, perché in questo quartiere decisamente hipster fa da gioiello sulla corona l’originale libreria indipendente Books Actually un centro di ritrovo importante in città per i giovani, dove si organizzano molti eventi interessanti. A Tiong Bahru si viene anche a fare shopping alternativo, ci sono molti negozi di design e bottegucce più o meno costose di artigiani locali del settore moda e design. Il nostro posto del cuore nel quartiere è però il mercato Tiong Bahru, con il suo enorme Hawker Centre: un locus amenus per tutti gli amanti del buon cibo e uno degli edifici più eccentrici della città.

Dove dormire a Tiong Bahru

Hotel 81 Osaka: si sa che gli alloggi a Singapore sono costosi, ma in questo albergo troverete camere spaziosissime a prezzi concorrenziali. A nostro parere questo è davvero uno dei migliori affari in città.

Little India

Degli amici che vivono in città ce lo avevano descritto con queste parole: è un po’ meno Singapore e un po’ più Asia, ma sempre con la compostezza tipicamente locale. E questa Little India è esattamente così… colorata, brulicante, un pelo imperfetta e scarmigliata ma senza esagerare, anzi quel tanto che basta per essere assolutamente interessante. L’area storica lungo Serangoon Road e le strade nei dintorni ospitano una bella fetta della comunità indiana del paese, sono colorate e architettonicamente molto belle, niente grattacieli ma tante case a due piani a schiera dai colori eclettici e templi (la maggioranza dei quali sono Tamil). Qui si trova il Tempio Sri Veeramakaliamman, uno dei più antichi templi indù di Singapore ma anche il grande mercato Tekka Centre dove frutta, verdura e spezie hanno prezzi imbattibili!

Dove dormire a Little India

Hotel The Great Madras: uno degli hotel budget più carini del quartiere, accogliente e pulitissimo con quel tocco indiano che garantisce un po’ di magia.

Jalan Besar e Kampong Glam

Vicinissimo a Little India ci sono due quartieri vivaci e originali, anch’essi piuttosto atipici per Singapore (o comunque molto diversi dall’immagine che il turista superficiale si può fare della città). Jalan Besar più che un quartiere è una via che si snoda parallelamente a Serangoon Rd (la via principale di Little India). Qui troverete un’infinità di attività commerciali, per lo più caffè e ristorantini. Per la presenza di infinite scelte alimentari di qualità ma anche piuttosto economiche Jalan Besar è considerata la mecca dei foodie di Singapore ed è sempre affollata ad orario pasti.

La vicina area chiamata Kampong Glam, che si sviluppa intorno ad Arab Street, è uno dei quartieri a maggioranza musulmana di Singapore, prevalentemente abitato da malesi. La zona è ricchissima di vecchi edifici commerciali, le tipiche case-negozio risalenti al XIX secolo che erano un tempo bottega e abitazione di commercianti di stoffe e spezie oggi sono adibite a negozietti, caffetterie dai toni artistici (delle quali c’è una concentrazione pazzesca in Haji Lane), locali serali e ristorantini. I monumenti più importanti di questa vivace zona commerciale includono la Moschea principale della città Masjid Sultan che si erge possente con le sue cupole dorate e il Malay Heritage Centre un interessante museo etnografico che racconta una fetta importante della storia cittadina. Un’altra chicca del quartiere è la moschea blu Masjid Malabar, che sembra più che altro il palazzo di un principe azzurro (ne abbiamo parlato nel nostro articolo sui migliori templi da visitare a Singapore).

Dove dormire a Kampong Glam

Beary Best!: se vi piacciono i capsule hotel questo vi conquisterà, è curatissimo, pulito e ha spazi comuni molto confortevoli. Poi è tra i più economici della città!

Civic-Cultural District

Questa è una delle zone più ricche di attrazioni turistiche di Singapore, non per niente si chiama Civic – Cultural District. A nord del fiume si sviluppa una serie di edifici adibiti a strutture governative o culturalmente rilevanti: parliamo del Museo Nazionale, dell’edificio coloniale del Raffles Hotel, del museo delle civiltà Asiatiche e di quello d’Arte di Singapore. Insieme a questi preziosi edifici antichi ci sono anche grattacieli sfavillanti e grandi hotel di lusso. Passeggiando in questa zona vedrete una città molto più occidentale con tanti edifici imponenti come la bianca cattedrale a guglie di St. Andrew’s. Le nostre parti preferite di questo spicchio di città sono però il grande parco di Fort Canning. Noi vi consigliamo però di passeggiare anche nei dintorni di Armenian street, dove tra musei ed edifici di grande pregio artistico, sono fioriti splendidi esempi di street art.

Dove dormire nel Civic-Cultural District

Hotel Lyf-Funan: non avete mai dormito all’interno di un centro commerciale? Questo è il momento di provare questa esperienza! Fatelo al Funan, uno dei mall più “in” di tutta la città che vi accoglierà in grande stile.

Marina Bay

Se c’è un quartiere stupefacente in città è di certo questo, ne abbiamo parlato in modo approfondito nel nostro articolo su Marina Bay e dintorni e non vogliamo ripeterci troppo, ma questa è sicuramente la zona più iconica della città nonché quella che ha contribuito a darle una fama spettacolare e quasi surreale. Camminando in questa baia artificiale ammirerete il Marina Bay Sands, uno degli alberghi casinò più costosi al mondo, il Museo ArtScience a forma di loto, il Merlion Park (la piattaforma che ospita il Leone-pesce simbolo della città) è, a poca distanza, anche i Gardens By the Bay, gli splendidi giardini cittadini icona futuristica della botanica.

Dove dormire a Marina Bay

Oakwood Premier: volete essere nel cuore turistico di Singapore ma avere appartamenti comodi a prezzi accettabili? Questa è un’ottima soluzione!

Orchard Road

Se è lo shopping la vostra meta a Singapore allora dirigetevi a Orchard Road una via brulicante di enormi centri commerciali e grandi magazzini. I mall sono più di 20 in una via, ma se non sapete quale scegliere dirigetevi verso il futuristico ION Orchard, uno dei più belli e grandi della città che ospita anche un osservatorio panoramico a 360° d cui abbiamo parlato anche nel nostro articolo sulle migliori viste dall’alto della città! Quando vi siete stancati dei centri commerciali visitate la biblioteca più instagrammata della città: la famosa [email protected] con le sue scaffalature a onda.

Dove dormire a Orchard:

Yotel Orchard Road: questa è una zona molto costosa dove soggiornare ma il grande hotel 4 stelle Yotel ha camere eleganti e moderne a prezzi decenti e spesso sul sito Booking.it potete trovare molte offerte che lo riguardano!

Geylang e Katong

Geylang è famoso per essere il quartiere a luci rosse della città ma in verità i singaporeani vengono qui soprattutto per mangiare. Il quartiere è uno dei più antichi insediamenti malesi del paese e, oltre ad offrire servizi a sfondo sessuale (in una serie di vie che ospitano delle case chiuse più o meno legali), è anche uno dei luoghi migliori della città per mangiare cibo malay. In particolare nella zona di Geylang Serai si trovano tantissimi ristoranti e food court indo-malesi e un bellissimo mercato Malay (ve ne parliamo un articolo dedicato ai migliori mercati di Singapore).

A poca distanza si trova Katong, uno dei quartieri architettonicamente più belli della zona dove è possibile scoprire intere vie di case basse colorate e incredibilmente ben tenute in stile peranakan (cultura tipica dei discendenti degli immigrati cinesi che arrivarono a Singapore dopo essere passati da Indonesia e Malesia). Se volete scoprire anche come sono all’interno è possibile farlo visitando il Katong Antique House, una casa-museo che raccoglie al suo interno cimeli originali peranakan.

Dove dormire a Geylang

Chris Home Stay: un bed&breakfast casalingo dall’accoglienza impeccabile quello di Chris! Ambienti piacevoli e tutte le attenzioni che un padrone di casa perfetto può dedicare a voi e alla vostra famiglia (per dimostrare che Geylang è un quartiere adatto a tutti!).