una panoramica per aiutarvi a scegliere dove rilassarvi… e non solo

Si fa presto e dire: voglio andare a rilassarmi al mare in Thailandia. Una volta presa questa decisione bisogna capire dove andare esattamente. Quali sono le isole più belle? Quali le più adatte alle nostre esigenze, abitudini e portafoglio? E una volta decisa l’isola, o la zona di costa, quali sono le migliori spiagge? Insomma, organizzare un viaggio in Thailandia sembra facile, ma senza una buona guida può rivelarsi più arduo del previsto.

Nella moltitudine di luoghi perfetti dove andare al mare in Thailandia, è difficile orientarsi. Le possibilità sono così tante e così diverse l’una dall’altra che capire cosa potrebbe piacerci è un’impresa. Diffidate da chi vi dice che il paese è diventatato troppo turistico e non ci sono più le spiagge da sogno, con sabbia bianchissima, acqua cristallina e deserte, perché nonostante l’innegabile boom degli ultimi vent’anni (almeno) ogni isola nasconde qualche luogo appartato, bisogna solo cercarlo.



Per questo abbiamo selezionato per voi le principali mete di mare della Thailandia (quasi tutte isole) e abbiamo scritto una breve guida alle loro caratteristiche principali e alle spiagge più belle. Questo articolo non ha pretese di completismo: potreste viaggiare per mesi in Thailandia, cambiando isola ogni settimana, e non vedreste tutto quello che c’è da vedere. Il piacere della scoperta è parte integrate di una vacanza, ricordatevelo.

Non partite senza la Guida Lonely Planet della Thailandia

Una viaggiatrice come noi ha scritto una guida semplice e accessibile sulla Thailandia

Non partite per la Thailandia senza un’assicurazione sanitaria di viaggio

Al mare in Thailandia: Koh Samui

Negli ultimi 15 anni Koh Samui è letteralmente stata invasa da turisti e strutture ricettive di ogni tipo, che ne hanno fatto un’isola sicuramente molto sfruttata ma allo stesso tempo ideale per chi cerca divertimento e servizi efficienti e veloci. In ogni caso la grandezza di Koh Samui garantisce a chi arriva di poter trovare quello che cerca, sia esso pace o un po’ di divertimento.
Chi vuole godersi movida e vuole avere l’imbarazzo della scelta per alberghi e ristoranti dovrebbe rivolgersi alla costa est, che presenta spiagge frequentate ma molto belle. La parte nord dell’isola è invece da sconsigliare, troppo turistica e poco affascinante. La costa ovest è invece relativamente molto meno sfruttata e quindi più pacifica e vergine.
Isola perfetta per famiglie ed expat che vogliono passare molto tempo in Thailandia.

Approfondimento: Le più belle spiagge di Koh Samui, isola dalle mille risorse

Al mare in Thailandia: Phuket

Phuket è diventata il simbolo della Thailandia più sfruttata e turistica. Alberghi, resort, ristoranti di ogni tipo, classe e categoria, questo è il primo approccio all’isola che hanno tutti coloro che ci arrivano. Ma se si esplora e ci si impegna anche da queste parti si possono trovare spiagge (quasi) deserte. In ogni caso Phuket è diventata così famosa e popolare per un motivo: presenta scenari naturali unici e mozzafiato.
Da evitare per chi non ama la folla e chi vuole viaggiare low budget: questa è una delle isole più care della Thailandia.

Approfondimento: Le migliori spiagge di Phuket, Thailandia: dove andare al mare?

Al mare in Thailandia: Ko Samet

Ko Samet è una piccola isola (lunghezza 7 chilometri) che si trova a soli 170 chilometri da Bangkok. Di conseguenza è diventata una popolare meta turistica per le milioni di persone che vivono nella capitale thailandese e per tanto turismo straniero. Ospitando spiagge bellissime, con sabbia bianca e acqua cristallina è stata dichiarata “parco nazionale”, per questo in molte spiagge vi chiederanno una tassa di ingresso. Manca la tipica atmosfera thai, ma soprattutto se avete la possibilità di soggiornare in un resort potreste avere accesso a spiagge private davvero esclusive.

Approfondimento: Le spiagge più belle di Ko Samet: dove andare al mare vicino a Bangkok

Al mare in Thailandia: Ko Lanta

Le due isole principali dell’arcipelago di Ko Lanta, non troppo distanti da mete celeberrime come Phi Phi Islands e Phuket, offrono tutto ciò che chi ama esplorare possa desiderare: mare stupendo, villaggi tradizionali, trekking e fondali ideali per chi ama il diving. Non dimenticatevi di esplorare tutte le isole minori della zona: vi servirà una barca, e quindi costerà non poco, ma ne vale davvero la pena. Sulle isole principali c’è una vita notturna moderata, decisamente più piacevole rispetto a quella delle isole più celebri. Se riuscite ad andarci in bassa stagione, ovvero a Ottobre, Novembre o Aprile, troverete anche pace, quiete e prezzi bassi.

Approfondimento: Le spiagge più belle di Ko Lanta, isola più quieta delle Andamane

Al mare in Thailandia: Krabi

Krabi è una zona della costa ovest della Thailandia diventata molto celebre per chi ama alternare il relax al mare con trekking in montagna. Le pareti rocciose di quest’area, che spesso si gettano a picco sul mare, offrono splendidi paesaggi naturali e hanno reso questa regione molto turistica. Ma l’entroterra è davvero poco frequentato dagli stranieri e proprio per questo amato da chi arriva in Thailandia per passare diversi mesi. Krabi è ottima per famiglie numerose e gruppi di amici che hanno esigenze molto diverse e che quindi vogliono godersi la varietà di paesaggi e soluzioni che il paese ha da offrire. Non vi aspettate, però, il mare cristallino delle isole.

Approfondimento: Dove andare al mare a Krabi, le migliori spiagge

Al mare in Thailandia: Thung Wua Laen

A sette ore di autobus a sud di Bangkok, sulla costa ovest, proprio davanti a Koh Tao, ci sono una serie di spiagge pochissimo conosciute dai turisti stranieri e invece meta popolarissima per i locali che le affollano durante il weekend. Thung Sua Laen è una di queste: un paradiso di sabbia bianca che tra settimana è letteralmente deserto e che durante i fine settimana si anima di tradizioni, cibo e voglia di divertirsi, tipiche della popolazione rurale del paese. La spiaggia si trova a pochi passi da un mini-villaggio di pescatori, dove un mercato e qualche ristorantino sono tutto ciò che possiate chiedere. Se davvero volete andare al mare in Thailandia ma non volete avere troppa compagnia, questo è il posto da scegliere. E se siete appassionati di diving e snorkeling vi basterà prenotare una gita in barca per godere degli stessi luoghi che frequentano i sub che affollano Koh Tao. Prezzi? Bassi, neanche a dirlo.

Approfondimento: Thung Wua Laen a Chumpon, spiaggia deserta in Thailandia

Al mare in Thailandia: Koh Tao

Koh Tao è una piccola isola che è diventata super turistica per essere il luogo ideale per chi ama fare snorkeling e diving, nuotare in mezzo a ogni tipo di pesce e godersi la barriera corallina. Proprio per questo motivo è molto sfruttata, anche se non si arriva agli eccessi di Phuket e simili, anche perché le costruzioni non sono mai giganti alberghi e grattacieli ma sono più in stile thai. Nonostante la grande massa di turisti è quindi ancora godibile, fatto salvo per le zone di grande movida e soprattutto è completamente immersa e avvolta dalla giungla più selvaggia.
Consigliata per i viaggiatori più giovani che vogliono unire movida e mare senza rivali. Si può riuscire a spendere ancora poco.

Approfondimento: Le migliori spiagge di Koh Tao, Thailandia, paradiso di snorkeling e diving

Al mare in Thailandia: Koh Phangan

Koh Phangan, nel Golfo di Thailandia, ovvero ad est, non lontano da Koh Samui e Koh Tao è nota per le feste chiamate Full Moon Party, in cui si balla tutta la notte al chiaro della luna piena. In quei giorni l’isola è off-limit perché i prezzi si alzano e ogni centimetro di spiaggia è occupato. Poi il tutto si svuota, relativamente, e il turismo (principalmente composto da giovani) diventa più tollerabile. Ma soprattutto esistono ancora zone, come quella a est, davvero molto spartane e poco frequentate se non per qualche resort.

Approfondimento: Le migliori spiagge di Koh Phangan, l’isola del folle Full Moon Party

Al mare in Thailandia: Phi Phi Island

Avete presente la celeberrima Maya Beach, la spiaggia più conosciuta di tutta la Thailandia, ora aperta a orari contingentati perché presa d’assalto da milioni di turisti ogni anno? Ecco, si trova a Phi Phi Island (singolare, anche se le isole son due), un tempo paradiso naturale, oggi sfruttato eccessivamente. Per chi ha soldi da spendere e può affittare quotidianamente barche per andare nelle sue spiagge più belle e isole inaccessibili (e senza rivali a livello naturalistico) se non via mare, può ancora valer la pena, ma se volete farvi una classica vacanza di mare, scegliete altro.

Approfondimento: Le migliori spiagge di Phi Phi Island: dove andare al mare in Thailandia


Share: