quindici giorni * mare, montagna e cultura * ressa turistica

Che la Thailandia sia uno dei paesi più turistici al mondo non è un segreto. Il paese non è però una meta di scoperte e ricerca: vale a dire che gran parte dei viaggiatori visitano le mete più celebri. Il motivo è da ricercarsi nella spettacolarità delle rovine di Ayutthaya, del fascino dei templi di Chiang Mai e della bellezza dei paesaggi delle sue isole. Questo è l’itinerario più classico per un viaggio di due settimane in Thailandia.

Se siete alla ricerca di un viaggio avventura o siete allergici alla presenza di tanti, troppi, altri turisti evitate questo percorso come la peste. Chi si lamenta dell’eccessivo sfruttamento turistico della Thailandia ha, probabilmente, frequentato questi e pochi altri posti. Perché fuori dalle tappe più conosciute (queste, appunto) eravamo quasi sempre gli unici turisti. Abbiamo passato più di un mese in Isaan, la regione nord-orientale del paese, la più remota e rurale, incontrando non più di altri due farang in tutto.

Non partite senza la Guida Lonely Planet della Thailandia

Una viaggiatrice come noi ha scritto una guida semplice e accessibile sulla Thailandia

Non partite per la Thailandia senza un’assicurazione sanitaria di viaggio

Ma chi l’ha detto che è sempre necessario evitare luoghi eccessivamente turistici? In fondo se lo sono diventati, turistici, è anche grazie ad una bellezza fuori dal comune. L’ideale sarebbe quindi alternare mete molto blasonate con tappe meno conosciute, capaci di portarti direttamente al cuore del paese. Questo itinerario classico per un viaggio di due settimane in Thailandia ha il perfetto mix tra la visita alla metropoli (Bangkok, quale altra?!), un paio di mete all’insegna di storia e cultura (Ayutthaya e Sukhotai), una sosta in uno dei centri spirituali più importanti del paese e poi una settimana di relax al mare.



Utilizzate questo articolo come base per costruire un itinerario e approfondite con altri contenuti per sapere cosa vedere in ogni singolo luogo: in questa sede vogliamo solo disegnarvi un tour coerente, non particolarmente sfiancante, per un viaggio di quindici giorni in Thailandia.

Due settimane in Thailandia: Bangkok (due giorni)

Non credete a chi vi dice che Bangkok è brutta. Non l’ha vista bene. Non credete a chi vi dice che Bangkok è solo smog e traffico. Perché la capitale del paese ha tutto ciò che possiate desiderare: il fascino ruspante della Thailandia si unisce alla modernità dei suoi grattacieli che sorgono tra un tempio e l’altro. Passate la giornata tra mercati, templi buddihsti, passeggiate a Chinatown e grandi abbuffate di cibo thailandese. Al tramonto godetevi il fascino da cartolina del Chao Praya, il fiume che attraversa la città, magari ammirando lo stupa del Wat Arun che si specchia nelle sue acque. Alla sera potrete scegliere tra un cocktail in uno skybar per vedere la città dall’alto o calarvi in un’atmosfera tipicamente locale mangiando street-food in uno dei tanti night market (il nostro consiglio è: Indy Market, mercato notturno senza turisti).

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

Due settimane in Thailandia: Ayutthaya (due giorni)

A due ore da Bangkok c’è l’ex capitale del regno omonimo, per centinaia d’anni centro culturale, politico e religioso del paese. Di questo periodo d’oro rimangono  decine di templi che punteggiano tutta la città, completamente circondata da tre fiumi che la cingono e la trasformano in un’isola. In molti arrivano vi arrivano in giornata da Bangkok, ma qui dovrete prendervi il vostro tempo: concedetevi due giorni, perché le rovine (spledidamente conservate) dei suoi templi sono solo una delle tante cose che contribuisce al fascino di Ayutthaya.
Approfondimento: guida ad Ayutthaya, cosa vedere e cosa fare

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

Due settimane in Thailandia: Sukhotai (un giorno)

Capitale del Regno di Sukhotai, la città si è resa nel 1238 indipendente dall’Impero Khmer, diventando il primo grande regno di Siam, che contribuirà a scrivere la storia del paese. Affittate una bicicletta e immergetevi nel suo Parco Storico, tra templi maestosi e antiche rovine, il tutto circondato da una natura rigogliosa e curatissima con fiori di loto che si specchiano su laghi da favola. Passare una giornata a Sukhotai significa tornare indietro nel XIII secolo.

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

Due settimane in Thailandia: Chiang Mai (due giorni)

Fin dagli anni sessanta Chiang Mai è stata la meta hippy per eccellenza nel sud-est asiatico. Questo ha favorito la nascita di una grande comunità expat che oggi ha creato il mito di una città dalle due facce: la prima è quella spirituale, in quanto Chiang Mai ospita alcuni dei templi più affascinanti ed importanti di tutta la Thailandia e la seconda è quella più trendy. La città nel nord del paese è infatti diventata la capitale del cibo vegan e dei caffè hipster della regione, facendone una tappa obbligata per quanti vogliano unire alle tradizioni e cibo locale, un’atmosfera più occidentale.


Le montagne che la circondano sono un volto ulteriore di Chiang Mai: basta uscire dal centro per gettarsi a capofitto nella giungla più selvaggia, rimanere a bocca aperta al cospetto di cascate incantevoli e trovare la pace davanti a paesaggi mozzafiato.

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

Due settimane in Thailandia: relax al mare

Le isole della Thailandia sono centinaia e centinaia. Allora perché gran parte dei turisti si concentra sulle solite? Le risposte sono diversee hanno a che fare con la loro spettacolarità, la facilità con cui ci si arriva (molte delle più celebri sono dotate di aeroporto) e la possibilità di fare un po’ di vita notturna, particolare affatto scontato per alcuni. Le più conosciute e frequentate sono senza dubbio Phi Phi Island, Phuket, Krabi per quanto riguarda il Mare delle Andamane (a ovest) e Koh Tao e Koh Samui per la zona est, nel Golfo di Thailandia. Spesso chi sceglie di passare una settimana al mare non si ferma su una sola isola, ma decide di visitarne almeno un paio, facendo quindi più di una tappa. Noi crediamo che se cercate pace e relax (comunque non facilissimo da trovare vista la quantità di turisti che incontrerete sul vostro percorso) sia meglio sceglierne una e poi organizzare delle gite in giornata per vedere spiagge ed isole vicine.

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

Itinerario classico in Thailandia: per chi ha più tempo

Se il vostro viaggio in Thailandia prevede qualche giorno in più delle classiche due settimane avete due scelte: prendere l’itinerario previsto per due settimane e prendervela più comodamente o inserire un paio di ulteriori tappe. I tre consigli che vi diamo di seguito vanno sempre nella direzione del tour classico, ovvero luoghi dove il turismo di massa è arrivato da tempo, ma che grazie alle loro bellezze riuscirete comunque a godervi. Ovviamente sono mete non lontane da altre tappe citate nell’itinerario di due settimane.

Lopburi

A un’ora da Ayutthaya c’è una piccola cittadina diventata celebre per il Tempio delle Scimmie: sono centinaia i fastidiosi e simpatici animaletti che vi faranno compagnia al Monkey Temple e che sono i veri e propri padroni del centro città. Ma Lopburi è molto altro: è antichi templi integrati spesso in modo divertente nel tessuto urbano, un bellissimo tempio abitato da decine di splendidi pavoni, un lago sulle cui rive organizzare un picnic confondendosi con la popolazione locale e tanto altro.
Approfondimento: guida a Lopburi, Thailandia. Cosa vedere e cosa fare

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

Pai

La cittadina di Pai si trova 170 chilometri a nord di Chiang Mai. Arrivarci è un percorso a ostacoli tra curve a gomito e montagne senza soluzione di continuità. Non è la classica cittadina di montagna, perché il turismo l’ha resa qualcosa di molto particolare: è una meta imperdibile per i backpacker più rilassati che passano le giornate tra una canna, chiacchiere e passeggiate nella natura. Ha una vita notturna abbastanza sviluppata e una scena artistica altrettanto florida. Pai è il posto che non ti aspetti: sembra sperduta nel nulla ma ha tutto quello che potete richiedere ad un posto dove relax e divertimento si incontrano.

Chiang Rai

Il tempio di bianco di Chiang Rai è diventata una delle icone della Thailandia. Ma la città e i suoi dintorni hanno molto altro da offrire, soprattutto a livello naturalistico e paesaggistico: è una delle aree più belle della Thailandia, dove perdersi tra trekking e lunghe passeggiate che attraversano montagne verdissime e finiscono sulle rive del fiume Mekong, a due passi dal confine col Laos. Arriverete a Chiang Rai in tre ore da Chiang Mai.

Siete alla ricerca di qualcosa di alternativo?

Se l’itinerario classico, visto e stravisto, non vi attira, abbiamo qualcosa che fa per voi. Per prima cosa il mare: se qualcuno vi ha detto che non esistono spiagge deserte in Thailandia si è sbagliato di grosso. Non solo ogni isola, anche la più frequentata ne ospita diverse, ma ci sono tante mete ancora aliene al turismo di massa. Noi ci siamo innamorati di Thung Wua Laen, spiaggia deserta nella zona est del paese, 4 ore a sud di Bangkok.

Viaggio Thailandia Itinerario Classico Due Settimane

E poi c’è la nostra grande passione, ovvero l’Isaan, la regione del nord-est della Thailandia, molto rurale e remota. Dimenticatevi le orde di viaggiatori che potreste incontrare nelle tappe sopra descritte, perché in Isaan di turisti non ce ne sono: sarete solo voi, il motorino che dovrete affittare per visitare risaie e giungla, i grandi mercati dove approcciare una cucina diversissima da quella del resto del paese, paesini affacciati sul Mekong e al confine con il Laos e tanta vita tradizionale.
Approfondimento: itinerario in Isaan, alla scoperta della Thailandia rurale e meno turistica

Share: